Ravello Energy Festival, in Costiera
si disegna il futuro dell'energia in Italia

Ravello Energy Festival, in Costiera si disegna il futuro dell'energia in Italia
Martedì 4 Ottobre 2022, 11:00
3 Minuti di Lettura

l 13 e 14 ottobre, nella suggestiva cornice di Villa Rufolo a Ravello, le principali enertech italiane si confronteranno su crisi energetica, scenari e prospettive future in un evento organizzato da Stantup. Identificare i migliori scenari futuri in ambito energetico, discutere di innovazione tecnologica e delle prospettive per le aziende di fornitura energetica. Questi i temi sul tavolo della prima edizione di Ravello Energy Festival, manifestazione organizzata da Stantup, abilitatore tecnologico nei settori Business Process Outsourcing (Bpo) e Information Tecnology in collaborazione con Utility Day di Ikn Italy, punto di riferimento in Italia per il Settore Energy & Utilities.

L’appuntamento è il 13 e 14 ottobre a Ravello, nel cuore della splendida Costiera Amalfitana presso Villa Rufolo e vedrà la partecipazione dei principali Ceo e Top Manager delle più importanti enertech italiane tra cui NeN, Tate, Poste Energia, Wekiwi, Octopus Energy, Switcho e Aziona. Sarà Rudy Bandiera, anchorman e content creator tra i più attivi e seguiti in Italia, a presentare i temi di discussione nei dibattiti e nelle tavole rotonde: tra gli argomenti, la vendita di energia online, la tecnologia, i love brand, i nuovi prodotti e contenuti, il pricing, la customer experience e tanto altro ancora.

«In un momento di grande incertezza e instabilità del settore energetico, ho pensato fosse giunto il momento di fare qualcosa di concreto per aiutare imprenditori, dipendenti, collaboratori e professionisti, ad accettare la dura realtà ma opporsi al destino» – commenta Giuseppe Dell’Acqua Brunone, Cmo di Stantup ed ideatore della manifestazione. «Per la prima volta i Top Manager delle più importanti enertech italiane si siederanno attorno a un tavolo per affrontare una crisi dei prezzi mai vista nella storia del nostro mercato, da cui potremo uscire solo con un mix di ottimismo e visione abbinato all'uso sapiente di marketing, digitale e tecnologia. Non puoi agire su ciò che non controlli ma puoi controllare ciò su cui puoi agire.

E quando saremo fuori da questa crisi non possiamo in alcun modo farci trovare impreparati. Il mercato cambierà, l'approccio all'energia da parte dei clienti finali sarà diverso, il valore del kWh avrà sempre più un peso specifico nell'economia familiare e imprenditoriale e gli strumenti a supporto dovranno essere sempre più rapidi, precisi e personalizzati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA