Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Simula residenza in Italia di 10 anni
per ottenere il reddito di cittadinanza

Lunedì 4 Luglio 2022 di Nicola Sorrentino
Simula residenza in Italia di 10 anni per ottenere il reddito di cittadinanza

Allunga il periodo della sua residenza in Italia per ottenere il reddito di cittadinanza, appena 280 euro, che le costano però una denuncia a piede libero e quasi certamente un processo. Una donna ucraina, nel comune di Cava de' Tirreni, di 37 anni, rischia di finire sotto giudizio per truffa ai danni dello Stato.

La Procura di Nocera Inferiore le ha fatto recapitare un avviso di conclusione delle indagini. La donna - secondo le accuse - avrebbe simulato il falso per ottenere l'erogazione del sussidio assistenziale dello Stato. In che modo: complinado l'istanza per l'ottenimento del contributo ma omettendo di segnalare all'Inps informazioni dovute e rilevanti ai fini della determinazione del reddito. In particolare, aveva dichiarato di risiedere in Italia da almeno 10 anni, procurandosi così l'ingiusto profitto, secondo il pm, legato alla percezione indebita della cifra di 280 euro. Questo accadeva il 27 novembre del 2019. La truffa fu scoperta dalle forze di polizia, che denunciarono la donna viste le discrepanze emerse tra quanto dichiarato e la sua situazione attuale. 

Ultimo aggiornamento: 11:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA