Rifiuti dalla Tunisia a Salerno,
a Serre protesta contro lo stoccaggio

Rifiuti dalla Tunisia a Salerno, a Serre protesta contro lo stoccaggio
Mercoledì 23 Febbraio 2022, 11:01 - Ultimo agg. 16:18
3 Minuti di Lettura

È iniziato a Serre il presidio organizzato da amministratori, cittadini ed associazioni per dire “no” allo stoccaggio dei rifiuti provenienti dalla Tunisia nell'area militare di Persano.

Al momento in strada ci sono circa 150 manifestanti, tra cui il sindaco di Serre, Franco Mennella che dice di non aver «ancora nessuna informazione» sull'eventuale trasferimento dei containers carichi di rifiuti sul territorio comunale.

Video

Da giorni il primo cittadino ha invitato tutti i cittadini di Serre e della Piana del Sele «a partecipare a questa importante e vitale battaglia per la tutela e la salvaguardia dell'ambiente e della salute pubblica».

«Si tratta di un sacrificio molto limitato, molto ragionevole e che non giustifica tanti allarmismi». Lo ha detto, al porto di Salerno, il vice presidente della giunta regionale campana, Fulvio Bonavitacola, assessore all'Ambiente, in merito al carico di rifiuti che dovranno essere stoccati temporaneamente a Serre. «Stiamo parlando - ha spiegato - di rifiuti ingombranti, plastica, in piccola parte ferrosi, carta e cartone. Non ci sono organici e quindi non c'è nè un problema di esalazioni e miasmi, né un problema di percolato che sono le due criticità classiche della gestione dei rifiuti.

Questi rifiuti sono stati esportati da una azienda che opera a sud della provincia di Salerno ed in gran parte sono rifiuti conferiti da comuni della stessa zona. Dove potevamo organizzare lo stoccaggio? In prossimità del porto di arrivo, quindi Salerno che è lo scalo da dove sono partiti. Dovevamo individuare un sito adeguato dove vi fosse una operatività di stoccaggio ed anche di movimentazione perchè quanto prima li dobbiamo mandare via». Secondo Bonavitacola «A sud della provincia di Salerno c'è un solo sito che abbia queste caratteristiche che abbiamo individuato nell'area di Persano. Lì sono state stoccate per 15 anni 90 mila tonnellate di ecoballe. Ora stiamo parlando di 5 mila tonnellate. Di quelle 90 mila tonnellate, 35 mila le abbiamo già mandate via e il resto lo manderemo via nei prossimi mesi». Bonavitacola dà appuntamento «a fine aprile: i rifiuti che avremo mandato via saranno decisamente superiori a quelli arrivati ora».

© RIPRODUZIONE RISERVATA