Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rissa di Sala Consilina, locale chiuso:
«Gestori devono garantire la sicurezza»

Martedì 28 Giugno 2022
Rissa di Sala Consilina, locale chiuso: «Gestori devono garantire la sicurezza»

La Questura di Salerno ha reso noto il perché ha chiuso il locale di Sala Consilina in seguito alla rissa con due feriti. La sospensione della licenza per sette giorni scaturisce dall'ex art. 100 Tulps, che rappresenta un provvedimento cautelare volto ad eliminare, in via preventiva, possibili fonti di pericolo per la sicurezza pubblica.

«Il provvedimento – è scritto in un comunicato della Questura – riveste un carattere centrale nell’azione di prevenzione generale dei reati, in quanto consente di allontanare, dall’interno e dalle immediate vicinanze degli esercizi pubblici, le eventuali fonti di pericolo. L’istituto – come sottolineato dal Questore di Salerno – si deve inquadrare alla luce dei nuovi modelli dell’azione amministrativa, che fanno sempre più leva sull’auto-responsabilità di cittadini ed imprese e risponde ad una logica di cooperazione operosa, finalizzata a prevenire ogni turbativa per l’ordine e la sicurezza pubblica. In quest’ottica, i titolari dei pubblici esercizi oggi sono considerati attori protagonisti della sicurezza dei propri avventori e sono chiamati a porre in essere le cautele e le azioni necessarie – tra le quali, in primis, la collaborazione con le Forze di Polizia – per garantire un sistema di sicurezza perfettamente integrato».

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA