Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Neonato morto in valigia, il vescovo:
«Lasciata sola, mai più tragedie così»

Domenica 6 Ottobre 2019 di Carmela Santi
Neonato morto in valigia, il vescovo: «Lasciata sola, mai più tragedie così»
«Mai più tragedie come queste, mai più donne lasciate sole a vivere i propri drammi. Dobbiamo fare qualcosa in più per informare sulle leggi dello Stato che tutelano le mamme che non possono prendersi cura delle proprie creature». Sulla tragedia di Angellara arrivano forti le parole del Vescovo della Diocesi di Vallo, Ciro Miniero.

«Quando ho appreso della morte del bimbo - dice - ho provato una profonda tristezza. L'episodio coinvolge una ragazza giovane, probabilmente si è vista sola. Chissà cosa avrà pensato». Il monito di Miniero è allora un invito a capire che cosa è accaduto martedì sera nella frazione Angellara di Vallo ma soprattutto ad impegnarsi per evitare tragedie simili. Ogni mamma deve essere messa nella condizione di poter chiedere aiuto. Olga Iacob 30enne moldava cinque giorni fa ha partorito da sola per poi occultare il cadavere del figlio chiudendolo in una valigia. Una storia atroce ma soprattutto un dramma.

«Forse non possiamo capire - dice il Vescovo - la tristezza e la solitudine che vivono queste ragazze. Restiamo disarmati dinanzi a fatti del genere ed è nostro compito capirne le motivazioni. Il gesto di questa mamma ci rivela un vuoto o una ricerca di aiuto e forse queste donne non sanno dove aggrapparsi». Miniero ricorda che «il cuore di una mamma dovrebbe vibrare di gioia dinanzi alla nascita di una creatura, in questo caso ha provato abbandono e tristezza. Probabilmente queste donne che arrivano da noi per lavorare non sanno a chi rivolgersi, ed è in questa direzione che noi dobbiamo e possiamo fare qualcosa in più. Ci sono le leggi dello Stato che le tutelano».
Ultimo aggiornamento: 10:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA