Salerno, Carfagna vs De Luca:
«Liberiamola da cappa di potere»

Lunedì 27 Settembre 2021
Salerno, Carfagna vs De Luca: «Liberiamola da cappa di potere»

«Ognuno fa il tifo per il proprio candidato, il mio candidato è Michele Sarno, sostenuto dalla mia coalizione di centrodestra. Io penso che qui a Salerno ci sia bisogno di liberarsi di una cappa di potere costruita da chi per anni ha considerato questa città un pò come un feudo. Una città dove lavoro, opportunità, ascolto, dialogo, sono stati riservati e vengono riservati soltanto a una cerchia ristretta di amici».

Lo ha detto a Salerno il ministro per il Sud, Mara Carfagna a margine di un incontro con il candidato sindaco Michele Sarno ed i parlamentari Enzo Fasano e Gigi Casciello. «Quando i miei colleghi ed i miei amici non di Salerno mi parlano di Salerno, me ne parlano un po' come un luogo che assomiglia alla Bulgaria degli anni Sessanta oppure all'Egitto dei faraoni. Io però faccio loro presente che la Bulgaria comunista è caduta e che i faraoni ad un certo punto sono usciti di scena. E quindi anche qui a Salerno, forse, dopo tanti anni s'intravede la possibilità di un cambiamento concreto. Il consenso plebiscitario di cui ha goduto De Luca per quasi un trentennio non mi sembra granitico come lo era in passato e la possibilità di arrivare al ballottaggio è davvero concreta».

Il ministro per il Sud ha rivolto «un appello ai tanti elettori indecisi o rassegnati o quelli che magari pensano che il loro voto sia inutile perché tanto a Salerno comanda De Luca e le cose non cambieranno mai. Mai come in questa tornata amministrativa, invece, il voto è utile perché noi non siamo né la Bulgaria comunista né l'Egitto dei faraoni. In Italia si può votare e con il voto si possono cambiare le cose. E ai tanti scontenti, ai tanti delusi e rassegnati, dico utilizzate il vostro voto per cambiare le cose». 

«Se ho visto Piazza della Libertà? Inaugurata no, ci sono passata infinite volte anche con il passeggino. Se mi piace? Diciamo che ho visto cose più belle e compatibili ambientalmente» ha risposto Carfagna a chi le chiedeva un giudizio sulla nuova piazza inaugurata in città e voluta fortemente da Vincenzo De Luca. 

«C'è un investimento importante sul turismo, è un investimento che è contenuto nella missione 1, turismo e beni culturali. E con il ministro Garavaglia abbiamo lavorato affinché anche per quella componente, almeno il 40% dei fondi, fosse destinato al Mezzogiorno. Questo significa un investimento sul turismo di un miliardo e otto/due miliardi di euro. Questo significa che al Sud andrà il 40% delle risorse e poi bisogna fare una divisione in base ad alcuni parametri. Sulla base di questa divisione si conteggiano le risorse destinate alla Campania e poi a Salerno» ha sottolineato il ministro. 

Ultimo aggiornamento: 16:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA