Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salerno, un concorso di idee
​per riqualificare piazza Sant'Agostino

Mercoledì 20 Aprile 2022
Salerno, un concorso di idee per riqualificare piazza Sant'Agostino

Riqualificare alcune delle aree più suggestive della città attraverso un concorso di idee aperto ai giovani architetti e ai creativi del territorio. È questa la proposta avanzata dal presidente del consiglio comunale Dario Loffredo: «Da tempo è aperto un dibattito sulla necessità di riqualificare alcuni degli angoli più suggestivi della nostra città. Da cittadino, prima ancora che da rappresentante delle istituzioni, ritengo che in alcuni casi questi interventi siano possibili con un piccolo sforzo economico che sappia rendere concrete delle proposte valide e pertinenti – spiega Loffredo - Ecco perché mi piacerebbe che fosse bandito un concorso di idee aperto ai giovani professionisti e ai designer del territorio, che in questo modo avrebbero la possibilità di far conoscere alla cittadinanza i loro progetti.»

«Sarebbe auspicabile che l'amministrazione comunale individuasse alcuni luoghi simbolo su cui poter effettuare micro interventi capaci di renderli ancora più belli e più vivibili. Penso a piazza Sant'Agostino, ma anche a tanti slarghi di cui il nostro centro storico è ricco. Qui si potrebbero immaginare dei percorsi dedicati sulle tracce della Scuola Medica Salernitana o della città longobarda e normanna, capaci di attrarre visitatori e di promuovere sempre più e sempre meglio i nostri tesori. Sottoporrò la mia idea al sindaco Vincenzo Napoli, certo che la sua sensibilità nei confronti di queste tematiche possa aiutarci ad individuare un percorso idoneo» conclude Loffredo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA