Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salerno, l'Eav rileva due complessi
​adibiti a deposito automobilistico

Venerdì 10 Giugno 2022
Salerno, l'Eav rileva due complessi adibiti a deposito automobilistico

Due complessi immobiliari del Salernitano adibiti a deposito automobilistico. Sono quelli acquistati dall'Ente Autonomo Volturno. A comunicarlo è la stessa Eav, che attraverso una nota diffusa dal proprio ufficio stampa fa sapere che ieri «in accordo con la Regione Campania, ha concluso un'importante operazione di acquisto di due complessi immobiliari adibiti a deposito automobilistico siti in Salerno e Nocera-Pagani, posti in vendita dall'amministrazione straordinaria di Cstp azienda della mobilità Spa».

Con tale acquisto, stando a quanto fa sapere Eav, «si è evitato che tali depositi, posti in una collocazione strategica per il bacino dei trasporti su gomma nel Salernitano, potessero essere acquistati da operatori privati e sottratti alla loro destinazione al pubblico servizio, quindi in definitiva all'interesse della collettività».

Video

La conservazione della destinazione dei due complessi al trasporto pubblico locale, garantita dall'acquisto di Eav, anche nella prospettiva dell'azienda unica, «assume rilievo - informano ancora dall'azienda - soprattutto nell'ottica della successiva assegnazione dei medesimi agli operatori che risulteranno aggiudicatari della gara di affidamento del servizio di trasporto pubblico locale su gomma, preservando così nel tempo la costanza del servizio di trasporto per la collettività delle aree interessate». L'operazione, per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro, è finanziata in parte a mezzo mutuo ipotecario (che verrà pagato con i canoni percepiti dall'attuale locazione dei due depositi) ed in parte mediante le somme riscosse da Eav quale creditore di Cstp, nell'ambito della relativa procedura concorsuale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA