Salerno Letteratura torna
in un'edizione «Perdurante»

Mercoledì 8 Luglio 2020
In otto giorni, dal 18 al 25 luglio, 160 ospiti, tra scrittori, musicisti, attori, racconteranno l'Italia, il mondo, la natura, ma anche la poesia, il passato, l'arte. Salerno Letteratura, tra i più importanti festival letterari del Sud, sarà tutto questo: dialoghi, performance. E tutto renderà protagonista il nostro tempo. L'ottava edizione del festival - ideatrice e direttore organizzativo della manifestazione Ines Mainieri, i nuovi codirettori artistici Gennaro Carillo, Matteo Cavezzali e Paolo Di Paolo - sarà un'edizione Perdurante, nel doppio significato di dedica a Francesco Durante, direttore artistico nelle ultime sette edizioni e scomparso un anno fa, e di participio presente: qualcosa che perdura, che persiste. Non a caso, una delle dieci sezioni del festival, è intitolata «O natura, O natura» e si propone come focus sul complesso rapporto tra l'uomo e l'ambiente. In questo solco si inserisce la tradizionale prolusione inaugurale, affidata all'epistemologo Gilberto Corbellini.

E di natura si parlerà anche con David Quammen, l'autore dell'ormai cult Spillover: lo scrittore statunitense inaugurerà la sezione «Da lontano - Narratori internazionali alla finestra», dialogando in streaming con lo scienziato Enrico Bucci (Temple University of Philadelphia). Le altre sezioni sono: «L'Italia narrata. Scrittrici e scrittori italiani»; «Il tempo della poesia»; «Classica»; «Pensare con i piedi - l'estate senza europei»; «Spazio ragazzi»; «Sguardi sul mondo attuale», «Felliniana» a cui si aggiunge la Summer school. Ospite dell'edizione 2020, in streaming, il vincitore del premio Strega, Sandro Veronesi, in dialogo con il direttore della Fondazione Bellonci Stefano Petrocchi. Molti gli autori italiani che prenderanno parte alla grande festa del libro di Salerno: tra gli altri, Melania Mazzucco, Romano Lupi, Maurizio De Giovanni, Chiara Gamberale, Eva Cantarella, Luca Bottura. Tra gli autori stranieri, in streaming, Eshkol Nevo, uno dei maggiori narratori israeliani contemporanei; Cathleen Shine, affermata scrittrice statunitense, e David Leavitt, una delle voci più originali della narrativa americana. In presenza ci saranno Philippe Vilain, in procinto di pubblicare un volume dedicato a Napoli; il vincitore del Prix Goncourt Regis Jauffret; la scrittrice francese Emmanuelle de Villepin; Hanne rstavik, finalista del National Book Award. Da segnalare poi la presenza del regista Ferzan Ozpetek, autore per Mondadori del recentissimo «Come un respiro» e di Marco Risi, che ha firmato «Forte respiro rapido».

Tra gli ospiti della sezione dedicata alla poesia, realizzata in collaborazione con GianMario Villalta, direttore artistico di Pordenonelegge, con cui Salerno Letteratura ha intessuto già da tempo una proficua collaborazione, Piero Dorfles, Filippo La Porta, Carmen Gallo. Ampio spazio sarà dedicato agli spettacoli: tra questi si evidenziano un reading di Valeria Palumbo, le musiche di Fellini in jazz a cura dello Stefano Giuliano quartet, la stand up comedy con Daniele Fabbri, il monologo dedicato ad Anna Maria Ortese e Giacomo Leopardi che una grande attrice come Elena Bucci ha costruito appositamente per Salerno Letteratura e «Mistery train». Come ogni anno, un appuntamento sarà dedicato al Premio Salerno Libro d'Europa 2020. 
Ultimo aggiornamento: 17:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA