«Salerno Letteratura» rilancia:
63 incontri e Pulitzer Powers

di Giovanni Chianelli

Sarà l'edizione più ricca di quello che è già il festival letterario più lungo d'Italia, in termini di giorni: ben dieci, dal 14 al 23 giugno. «Salerno letteratura», giunto al settimo anno, si candida a salire sul podio delle kermesse di genere, come dice a gran voce il suo ideatore e direttore artistico, il giornalista e scrittore Francesco Durante: «Con grande orgoglio abbiamo portato la nostra manifestazione al terzo posto, dopo PordenoneLegge e Mantova, dei festival nazionali, a parte Torino che è un salone. Lo dicono il numero e la qualità degli ospiti e spettatori». La rassegna ha anche ottenuto l'Effe label, la certificazione europea assegnata alle manifestazioni culturali e artistiche più interessanti del continente.

Ma i numeri che più contano sono quelli dell'edizione 2019: saranno 63 gli appuntamenti nei 12 spazi della città impegnati con oltre 200 protagonisti tra autori, attori, musicisti, provenienti da 21 nazioni. «Il festival serve a ricordare, ancora una volta, che l'offerta culturale della Campania è tra le prime in Italia» dice, presentando la manifestazione, Vincenzo De Luca, presidente della Regione, l'ente principale sostenitore di «Salerno Letteratura», affiancata da sponsor privati come BPER Banca.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 30 Maggio 2019, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP