Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salerno, 8 milioni di mascherine ordinate
e mai recapitate: 3 indagati per truffa

Giovedì 21 Luglio 2022
Salerno, 8 milioni di mascherine ordinate e mai recapitate: 3 indagati per truffa

Ordina 8 milioni di mascherine chirurgiche, ma la merce non gli viene mai recapitata. È la vicenda che ha coinvolto un farmacista dell'agro nocerino-sarnese, sulla quale hanno fatto luce le indagini della Guardia di Finanza di Salerno culminate oggi in un decreto di sequestra preventivo, emesso dal gip di Nocera Inferiore su richiesta della procura nocerina, nei confronti di 3 persone ritenute responsabili, in concorso tra loro, dei reati di truffa e di autoriciclaggio. Secondo quanto ricostruito dalle indagini dei militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Salerno, avviate dopo la denuncia presentata a dicembre 2020 dal titolare di una farmacia dell'agro-nocerino sarnese, a seguito della diffusione della pandemia da Covid-19 il farmacista aveva contrattato, per il tramite di un intermediario della provincia di Caserta, l'acquisto di un ingente quantitativo di mascherine chirurgiche, circa 8 milioni, da parte di una società di Kuala Lumpur (Malesia), a fronte del quale aveva versato una caparra di 144mila euro.

Nonostante le molteplici iniziative adottate per ottenere l'adempimento di quanto pattuito, la merce non gli è stata mai recapitata, né restituito in alcun modo l'acconto versato. Sulla base di quanto ricostruito dalle Fiamme Gialle, a carico degli indagati, l'amministratore delegato della società malese, il relativo mandatario e l'intermediario, si prospetterebbe, oltre che l'ipotesi di truffa, anche quella di autoriciclaggio, avendo trasferito il denaro illecitamente sottratto alla vittima sui conti correnti di una società di capitali del Milanese, dai quali le somme sarebbero state poi riacquisite attraverso prelievi dallo sportello o a mezzo bancomat. Oltre alla notifica dell'avviso di conclusione delle indagini, è stato sequestrato un immobile a Pavia, riconducibile ad uno degli indagati, il cui valore complessivo è stato stimato in circa 150mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA