Addio a Nisivoccia, signore delle scene
e fondatore del mitico San Genesio

Venerdì 21 Gennaio 2022 di Barbara Cangiano
Addio a Nisivoccia, signore delle scene e fondatore del mitico San Genesio

Se ne è andato nel buio di una pandemia che non chiude un cerchio. Alessandro Nisivoccia era il simbolo del teatro resistente. Il grillo parlante, l'uomo che fa margine, sospira e spira tra mille difficoltà. Eppure alla sua scuola si sono formati praticamente tutti, perchè il suo corso di formazione è stato è una palestra. In quelle stanze fredde del San Genesio, si sono fatti tutti le ossa.

«La civica amministrazione esprime cordoglio per la scomparsa di Nisivoccia. La nostra comunità rende omaggio a un grande uomo e ad un artista che ha dato un grande contributo alla crescita culturale e civile di Salerno – ha spiegato il sindaco Napoli – Insieme all'amatissima Regina Senatore, Nisivoccia è stato protagonista della scena artistica. È stato un autore geniale, un interprete mirabile, un maestro per intere generazioni, Addio carissimo Sandro – è il messaggio di cordoglio del primo cittadino- Non ti dimenticheremo».

Così come non sarà dimenticato da una generazione che ha dalle sue labbra seguito i principi fondamentali del teatro. Tra i suoi allievi Nuccio Siano, che ora è regista e attore apprezzato dalla critica e dal pubblico di tutt’Italia. Altri due grandi talenti sono i due cavesi Peppe Bisogno e Martino D’Amico. Tra i tanti Teresa De Sio. Il centro storico piange un lutto vero, un uomo importante che aveva provato a fare del cuore antico della città un laboratorio. Alla sua scuola si sono formati in tantissimi. Il suo ricordo continuerà a vivere nei mille progetti che accompagnano la sua memoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA