Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Campania Teatro Festival
arriva a Salerno: ecco il programma

Venerdì 17 Giugno 2022
Campania Teatro Festival arriva a Salerno: ecco il programma

Proseguono gli appuntamenti della quindicesima edizione del Campania Teatro Festival, diretta da Ruggero Cappuccio, realizzata con il forte sostegno della Regione Campania e organizzata dalla Fondazione Campania dei Festival. La rassegna raggiunge il Piccolo Teatro Porta Catena di Salerno: Binariomorto, per la sezione Prosa nazionale, sarà in scena alle 21 (in replica il giorno successivo). Lo spettacolo di Lello Guida viene affidato alla regia di Franco Alfano ed Elena Scardino su musiche originali di Gabriele Guida.

Interpreti saranno Antonio Grimaldi, Ciro Girardi, Giacomo D’Agostino e Gabriella Landi. L’immagine del «binario morto», che rimanda al titolo, si collega allo spettacolo con duplice significato. È l’ambientazione, un vagone di treno fermo in una stazione dell’hinterland di Napoli. Ed è, anche, il tragico punto in cui sono giunte le vite dei protagonisti che intrecceranno i loro destini. Binariomorto è una storia metropolitana narrata con i canoni della tragedia greca. Nelle Praterie del Gigante, alle ore 22.30, per la sezione Osservatorio debutta Rubedo (Discendere, attraversare, riapparire) in prima assoluta. La pièce è scritta, diretta e interpretata da Giuseppe Affinito, che sarà il protagonista di una notte di peregrinazione dell’anima, un percorso di ricerca e di realizzazione della propria natura, un riconoscersi nella propria unicità. La rubedo, nel titolo, indica in alchimia l’ultima delle fasi di trasmutazione chimica che culminano nel compimento della pietra filosofale e nella conversione dei metalli vili in oro. È questa la suggestione che ha ispirato Affinito: «La materia alchemica con cui ho lavorato - spiega - è quella dell’anima; l’opera da compiersi, preziosa come l’oro, prodigiosa come l’eternità, è quella dell’individuazione, dell’essere sé».

È una ricerca soprattutto poetica, in cui il corpo scenico dell’attore si fa tramite e veicolo di poesia. La produzione è di Casa del Contemporaneo. Stupida Show! (Capitolo 1 – Cattivi pensieri) replica nel Cortile della Reggia di Capodimonte alle ore 21. Beatrice Schiros è la voce protagonista del monologo di stand-up comedy scritto da Gabriele di Luca, che firma la regia con Massimiliano Setti. Lo spettacolo è di Carrozzeria Orfeo e vede le coproduzioni de La Corte Ospitale, Accademia Perduta – Romagna Teatri e della stessa Fondazione Campania dei Festival. Nell’ambito della rassegna «Pompeii Theatrum Mundi», si replica con Gloria, la recente opera di José Montalvo, che firma la coreografia, la scenografia e il video design (Teatro Grande di Pompei, ore 21). Lo spettacolo vede la virtuosa collaborazione che lega la Fondazione Campania dei Festival al Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale e coinvolge, nel progetto, il Parco Archeologico di Pompei. Sedici interpreti in scena, provenienti da ogni continente, per celebrare la danza e le molteplici culture, la natura e la vita. Con Karim Ahansal (Pépito), Michael Arnaud, Rachid Aziki Dit Zk Flash, Sellou Nadège Blagone, Eléonore Dugué, Serge Dupont Tsakap, Fran Espinosa (Insegnante di Flamenco), Samuel Florimond (Magnum), Elizabeth Gahl, Rocìo Garcia, Florent Gosserez (Acrow), Rosa Herrador, Dafra Keita, Chika Nakayama, Beatriz Santiago, Denis Sithadé Ros (Sitha). È una produzione di Mac- Maison des arts e de la culture de Créteil. Terzo e ultimo giorno di replica anche per Antenate. Il tempo del ricordo nella casa delle storie presso l’Archivio di Stato di Napoli alle 19 e alle 20.30.

La performance teatrale è stata ideata e curata da Marina Rippa per Femminile Plurale che produce lo spettacolo con l’Archivio di Stato di Napoli, in collaborazione con il Settore Cultura del Comune di Napoli. In scena Amelia Patierno, Anna Liguori, Anna Manzo, Anna Marigliano, Anna Patierno, Antonella Esposito, Flora Faliti, Flora Quarto, Giustina Cirillo, Giusy Esposito, Ida Pollice, Iolanda Vasquez, Melina de Luca, Nunzia Patierno, Patrizia Iorio, Rosa Tarantino, Rosalba Fiorentino, Rosetta Lima, Rossella Cascone, Susy Cerasuolo, Susy Martino e Tina Esposito. Per la sezione Progetti speciali, il Ridotto del Mercadante ospita Pinocchio. Che cos’è una persona?, prima tappa di un percorso di ricerca e creazione ideato e diretto da Davide Iodice. Una residenza creativa di 12 giorni all’interno del Festival, aperta a un massimo di 15 ragazze e ragazzi con disabilità fisica e intellettiva, accompagnati da un familiare o da un tutor, e a persone che vivono una condizione di fragilità. L’organizzazione e la curatela sono di Associazione Culturale Interno 5, in collaborazione con Teatro di Napoli – Teatro nazionale e Scuola elementare del Teatro.

Nell’ambito delle attività diurne del Campania Teatro Festival, La Fabbrica del divertimento propone Musica dal bosco. Il baule dei suoni incantati per i più piccoli. L’incontro si terrà presso il Teatrino del Belvedere/Pagliarone di Capodimonte alle ore 10. I bambini scopriranno un misterioso baule, nascosto nel bosco. Il ritrovamento si trasformerà in un’occasione per far musica con i suoni del corpo e della natura, con la voce e con sorprendenti strumenti musicali.

Ultimo aggiornamento: 11:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA