Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Segreti d'autore», nel Cilento
va in scena «Miriàm»

Martedì 9 Agosto 2022
«Segreti d'autore», nel Cilento va in scena «Miriàm»

Il racconto universale della nascita e della morte, di una maternità profondamente laica che pure si riconosce nei nomi e nei luoghi di una fede nata senza il sospetto del proselitismo. La storia intensa di un Cristo nella pancia di sua madre, quella di nove mesi di paura, solitudine, incomprensione, stelle guida e stupore di fronte all’inatteso. Un elogio alla semplicità, che attraverso narrazione e poesia si trasforma in teatro e diventa «Miriàm-Storia laica di una nascita annunciata», lo spettacolo che va in scena il 10 agosto alle 21 nel Palazzo Mazzarella di San Mauro Cilento (Sa), nell’ambito di «Segreti d’Autore», il Festival ideato da Ruggero Cappuccio e diretto da Nadia Baldi.

La voce evocatrice di Adriana Follieri, che ha curato anche adattamento e regia, accompagnata dalle musiche originali eseguite al violoncello da Pasquale Termini, ci guida nel ritmo e nella melodia di un viaggio verso i luoghi impossibili di una storia possibile. Con le stelle cadenti, quelle della notte di san Lorenzo, a fare da scenario naturale al prodigio dell’arte.

La produzione è di Manovalanza, il disegno luci di Davide Scognamiglio, i costumi e il trucco di Laura Popescu. L’evento sarà preceduto dall’incontro con il biologo nutrizionista Edoardo Leggieri sul tema «Spirulina, l’alga del futuro. Un’eccellenza cilentana». Per saperne di più su una microalga che contiene proprietà straordinarie ed è considerata dall’Organizzazione Mondiale per la Sanità il miglior cibo per l’umanità nel ventunesimo secolo. L’ingresso è gratuito, ma su prenotazione e fino ad esaurimento posti, come avviene per tutti gli appuntamenti di «Segreti d’Autore», Festival riconosciuto dal Ministero della Cultura e finanziato dalla Regione Campania, con Sessa Cilento comune capofila della manifestazione e la collaborazione della provincia di Salerno. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA