Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roccagloriosa, il concerto inedito
dei Solis Quartet e Capone

Sabato 6 Agosto 2022
Roccagloriosa, il concerto inedito dei Solis Quartet e Capone

Domenica 7 agosto il festival “Segreti d’Autore”, ideato da Ruggero Cappuccio e diretto da Nadia Baldi, fa tappa a Roccagloriosa. Alle 21 in piazza Europa va in scena “Strativari-Suite napoletana in otto quadri”, esperienza musicale e viaggio dell’anima. Un progetto che nasce dall’incontro di due realtà  apparentemente molto distanti tra loro e tra strumenti con storie e tradizioni profondamente diverse: dal violino alla buatteria, dalla scopa elettrica al violoncello, dalla viola allo scatolophon. Solis String Quartet e Capone&BungtBangt hanno deciso di condividere il palcoscenico in questo spettacolo, basato su un soggetto di Stefano Valanzuolo e con progetto scenico e regia di Raffaele Di Florio, trovando nell’attrice Cristina Donadio un riferimento teatrale esplicito e presente.

Il titolo, attraverso un gioco di parole, evoca chiaramente il nome del più celebre liutaio di tutti i tempi, ma questa dimensione nobilmente classica si fonde con gli “strati vari” che compongono l’immagine di Napoli e fa riferimento a una pluralità di linguaggi, stili, corpi e anime che non ha eguali in nessun altro posto del mondo. Così come la stratificazione geologica di un territorio racconta l’evoluzione morfologica del luogo, così il metodo usato per costruire la “drammaturgia” del lavoro musicale ha adottato la “stratificazione” della musica nelle sue infinite declinazioni, cercando di restituire allo spettatore le tante identità, contraddittorie e per questo affascinanti, di una collettività, di un paese, di un’intera civiltà. Il concerto sarà preceduto dall’incontro su “La biodiversità vegetale del parco tra passato e futuro, risorsa primaria per lo sviluppo delle aree rurali”, a cura del botanico Nicola Di Novella. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA