Selfie inviati alla ex armato di coltello:
«Torniamo insieme o ti ammazzo»

Venerdì 22 Ottobre 2021 di Nicola Sorrentino
Selfie inviati alla ex armato di coltello: «Torniamo insieme o ti ammazzo»

Messaggi dal contenuto minatorio, con foto di armi, accompagnate da frasi esplicite. Con questi elementi è finito sotto processo un marocchino residente a Striano, ora irreperibile, atteso dal processo per stalking contro una donna di Pagani. Sullo sfondo una relazione probabilmente rotta tra entrambi, con lui che avrebbe cominciato a perseguitare la vittima pur di riallacciare rapporti. Da quel momento erano iniziati i comportamenti violenti, anche se via social, con i messaggi inviati attraverso l'applicazione what's app dai toni violenti e preoccupanti. L'uomo è finito a processo con il decreto di citazione diretta a giudizio. Secondo le accuse della Procura di Nocera Inferiore, lo straniero avrebbe inviato foto di lame e coltelli, oltre che di se stesso, mentre impugnava quelle armi, alla donna.

Un modo per rendere più esplicito il messaggio molesto. «O torniamo insieme o ti ammazzo!», così fu verbalizzato dagli investigatori il messaggio che l'uomo aveva rivolto alla vittima, citando anche i suoi familiari e promettendo azioni violente in caso di rifiuto. Erano stati i carabinieri a raccogliere la testimonianza della parte lesa, con una denuncia presentata da quest'ultima perchè spaventata dagli atteggiamenti dell'uomo. I fatti incriminati si riferiscono ad un periodo compreso tra maggio 2020, con condotta perdurante, fino a tempi più recenti. Il processo è stato fissato per il prossimo 18 novembre davanti al giudice monocratico del tribunale di Nocera Inferiore. In quella sede l'imputato, assistito da un difensore d'ufficio e raggiunto da un decreto di irreperibilità, sarà processato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA