«Senza l'Italia non è un Mondiale»: così il regista de “Il Viaggio degli Eroi” in un incontro nel Cilento

Incontro con gli studenti nella sala Ancel Keys di Pioppi

Manlio Castagna
Manlio Castagna
di Antonio Vuolo
Venerdì 2 Dicembre 2022, 15:10
3 Minuti di Lettura

«Non ho visto neanche una partita. Senza l'Italia non è un Mondiale. Onestamente, non sono un grande appassionato di calcio, però mi ha sempre affascinato vedere gli Azzurri competere con le altre Nazionali. Quando non c'è, preferisco dedicarmi ad altro».

C'è un pizzico di amarezza e di delusione nelle parole di Manlio Castagna, il regista salernitano de "Il Viaggio degli Eroi", il fim dedicato agli Azzurri campioni in Spagna nel 1982, presente, stamattina, nel Cilento per incontrare gli studenti dell'Istituto Comprensivo Pollica.

A margine dell'evento, svoltosi presso la Sala teatrale "Ancel Keys" di Pioppi, dove si è parlato del suo libro "Draconis Chronicon", lo scrittore , sceneggiatore e regista salernitano, che ha fatto rivivere nei mesi scorsi con la sua opera filmica quel grande successo azzurro, non ha infatti la sua delusione per l'assenza ai Mondiali in Qatar degli Azzurri. 

Parlando dell'iniziativa, invece, ha concluso: «Sono felice di poter chiudere quest’anno di presentazione nella mia provincia e nel Cilento, territorio a cui sono molto legato. Messaggio ai ragazzi? I messaggi, come spesso dico, li possono mandare tramite whatsapp, perché in un libro ognuno ci trova un messaggio diverso. E’ un storia in cui un ragazzo cerca di dimostrare al padre il suo valore, una storia ambientata in una Salerno medioevale ma che assume dei connotati molto attuali. Letteratura o cinema? Amo raccontare storie, creare dei ponti con le persone, a prescindere dal mezzo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA