Salerno, il liceo Severi intitola a Giovanni Ugatti la biblioteca sportiva

Il ricordo della figlia Cinzia Ugatti: papà oggi sarebbe felicissimo amava portare lo sport tra i più giovani di Salerno. Donati all'istituto i suoi libri

Le tre figlie di Ugatti e la preside Figliolia
Le tre figlie di Ugatti e la preside Figliolia
di Gianluca Sollazzo
Martedì 28 Maggio 2024, 06:35
4 Minuti di Lettura

Una vita dedicata allo sport, ai giovani e all’edilizia sportiva. Il liceo scientifico Severi, che da anni ha attivato un indirizzo sportivo, ricorda la figura di Giovanni Ugatti, storico presidente regionale del Coni scomparso quattro anni fa. Nel corso delle sue attività alla guida del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Ugatti si è battuto per diffondere anche tra i giovanissimi la cultura e lo spirito vero, sano dello sport puntando l’attenzione anche sull’edilizia sportiva in tutta la Regione. In memoria dello suo impegno per i giovani, da ieri il liceo Severi gli ha dedicato l’intitolazione della biblioteca sportiva, dove saranno custoditi e messi a disposizione della popolazione scolastica i libri che le figlie Maria Bruna, Cinzia e Gabriella hanno voluto donare alla scuola di Torrione.

LA CERIMONIA

Ieri mattina la cerimonia con la quale ufficialmente la famiglia ha donato al liceo ad indirizzo sportivo tutti i libri sul tema dello sport appartenuti a Ugatti e raccolti durante i lunghi anni trascorsi come Presidente provinciale del Coni e poi regionale. Gli studenti dell’Istituto Scolastico potranno quindi usufruire di volumi che rappresentano la storia dello sport italiano degli ultimi 70 anni con pubblicazioni uniche che narrano delle varie edizioni delle Olimpiadi, della storia di alcune Federazioni Sportive, dell’evoluzione dei risultati agonistici e delle tecniche sportive. Un importante sapere per i giovani che hanno deciso di seguire, nel loro corso di studi, l’indirizzo a cui Ugatti ha dedicato gran parte della sua vita. «Per noi è un onore ricevere i libri del professore Ugatti, figura di spicco del panorama di sportivo cittadino – dichiara Barbara Figliolia, dirigente scolastica del Liceo Severi – grazie a lui i nostri ragazzi avranno una biblioteca sportiva prestigiosa». «Credo che papà oggi sarebbe felicissimo – afferma Cinzia Ugatti - perché quello a cui teneva di più era portare lo sport tra i giovani. A Salerno ha fatto tanto, ha realizzato, con le istituzioni, le quattro palestre coperte, che portano la sua firma come presidente sia provinciale sia regionale del Coni, ma a lui stavano a cuore anche i campi di quartiere, proprio perché i giovani devono avere la possibilità di praticare sport per trarre da esso le regole del vivere civile. Papà affermava sempre che lo sport ci avrebbe salvato – conclude Cinzia Ugatti - ed il senso di portarlo, attraverso quest’iniziativa, in un liceo sportivo è proprio questo».

IL PERSONAGGIO

Ugatti è stato un apprezzato imprenditore edile ed ha dato, come dirigente sportivo ai massimi livelli, un grande contributo alla crescita della cultura e della pratica sportiva nel salernitano.

Da ieri il liceo Severi potrà custodire il suo ricco patrimonio di libri sportivi donati dalle sue tre figlie. Un importante sapere per gli studenti che hanno scelto di effettuare studi in indirizzo sportivo. «Quale migliore occasione per i ragazzi di usufruire di testi dal grande valore sportivo – continua la preside Figliolia – l’iniziativa della inaugurazione della biblioteca è stata voluta dalla scuola e dalle sue tre figlie, tra cui figura la professoressa Maria Bruna, nostra ex docente che per anni ha insegnato i sani valore e l’educazione a numerose generazioni di Salerno. Con l’apertura della biblioteca intitolata a Giovanni Ugatti si tramandano i sani valori dello sport di generazione in generazione».

Emozionate le tre figlie di Ugatti, Maria Bruna, Cinzia e Gabriella. La cerimonia intensa e partecipata della inaugurazione della biblioteca Giovanni Ugatti, figura di spicco nel panorama sportivo cittadino prima come atleta, in qualità di giocatore e di arbitro nazionale di pallacanestro, poi come dirigente, rappresenta un capitolo importante nella storia dell'indirizzo sportivo del liceo Severi. «Mio padre è stato sempre legato al liceo Severi - dichiara la figlia e professoressa, Maria Bruna - ha lottato per consegnare al quartiere e alla comunità scolastica una palestra coperta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA