Si nasconde nel bagagliaio per spiare la ex: condannato per stalking

Domenica 3 Dicembre 2017 di Nicola Sorrentino
PAGANI - È stato condannato ad un anno di reclusione con pena sospesa il 48enne paganese accusato di stalking e persecuzioni verso la sua ex ragazza, che aveva deciso di lasciarlo non tornando più indietro. L'atteggiamento dell'uomo - così come emerso nel processo - era quello tradizionale dello stalker: telefonate, pedinamenti, insulti e minacce di morte: «Ti devo ammazzare, ti debbo buttare la benzina addosso, ti devo dare fuoco».

Tra gli episodi che più hannno destato scalpore, tuttavia, vi è quello di quando il 48enne decise di seguire la ex nascondendosi nel bagagliaio della sua auto. E a sua insaputa. Quando la vittima lo scoprì, dopo essere arrivata sul posto di lavoro, decise di rivolgersi ai carabinieri raccontando in una denuncia le tante persecuzioni della quale era stata vittima. L'indagine risale al 2016. Al termine del dibattimento, il giudice monocratico ha condannato l'uomo ad 1 anno di reclusione © RIPRODUZIONE RISERVATA