Soglia si costituisce in carcere: poche ore fa l'arrivo a Verona

SALERNO - Gerardo Soglia si è costituito presso il carcere di Verona. L'imprenditore si è presentato spontaneamento dopo il verdetto della Cassazione che ha riconosciuto il reato di bancarotta fraudolenta e lo ha confermato la condanna a tre anni e tre mesi per il crac della società Buon Viaggio. 

La «Buon Viaggio» fallì nel 2010 (quando Soglia non era più amministratore) ma - secondo la ricostruzione accusatoria - l’ex amministratore delegato della società avrebbe distratto e dissipato il patrimonio con un’operazione risalente ad alcuni anni prima (2007). Si trattava dello scorporo di un ramo d’azienda, Caffè Voyage, con annesso un immobile in viale misurata a Milano per un valore stimato di oltre 4 milioni di euro. La magistratura milanese che ha indagato sulla vicenda avrebbe ricostruito, nelle indagini, i vari passaggi compiuti dal ramo d’azienda con l’immobile annesso: si passò dalla controllata Soglia Voyage srl a sua volta ceduta all’immobiliare San Giorgio srl concedendo un’iscrizione di ipoteca sull’immobile a favore della Banca Etruria e nell’interesse della Immobiliare San Giorgio. E nel novembre del 2007, sempre secondo le accuse, la partecipata Soglia Voyage srl veniva ceduta alla Immobiliare al prezzo di oltre quattro milioni di euro. L'imprenditore è difeso dall'avvocato Felice Lentini.
Venerdì 23 Giugno 2017, 19:49 - Ultimo aggiornamento: 23-06-2017 19:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP