«Vassallo, sognai il killer di Angelo
che viaggiava sul motorino»

di Petronilla Carillo

1
  • 23
«Nel 2011, nell’immediatezza della sua morte, sognai Angelo. Sognai la scena della sua uccisione, come se mio fratello volesse darmi indicazioni. Vidi un motorino, e vidi una mano assassina che lo crivellava di colpi. Mi dissero che ero pazzo. Oggi proprio quel motorino che io ho sognato è citato nelle perizie balistiche della procura. Dopo otto anni e cinque mesi, da quelle carte escono fuori dettagli mai citati. Come possiamo avere ancora fiducia nella procura di Salerno?». Dario Vassallo è arrabbiato. Molto. E vuole andare avanti in tutte le sedi giudiziarie opportune per capire il perché di tante cose non dette sulla morte del fratello. 

«Noi siamo sempre stati collaborativi con la procura. Io mi sono sempre preso la responsabilità delle cose che ho dichiarato. Ho messo nero su bianco i miei sospetti e ho fatto i nomi di chi potrebbe aver ucciso mio fratello. Io non tempo nulla, mi attaccherò addosso a tutti loro e non mollerò fino a quando non si arriverà ai responsabili». Secondo Dario Vassallo ci sarebbero altri interrogativi ai quali - a suo avviso - la procura di Salerno non avrebbe dato risposte. «Non si è mai parlato del motorino - dice - non si sarà mai seguita quella traccia. Nel mio sogno il motorino è scappato andando avanti, non è tornato indietro. L’ipotesi motorino c’è anche nelle carte delle indagini. E c’è dal primo momento. Hanno mai seguito questa pista? Sanno che quella strada porta a San Mauro Cilento. Sono mai andati lì?». Continua a pronunciare il numero nove. E commenta: « Ad uccidere Angelo è stato un professionista». Quindi ricorda i quattro colpi mortali che da soli sarebbero stati sufficienti ad uccidere il fratello ma che non sono bastati al killer che ha fatto «un lavoro perfetto». Un colpo al cranio che gli ha spappolato il cervelletto. Un colpo alla mandibola. Uno al polmone superiore. Uno al cuore. «Hanno voluto massacrarlo e la procura non dice nulla. Perché? Loro parlano di pista passionale, di droga. La verità è tutta lì, tutta a Pollica. Io non sono pazzo quando dico certe cose...»
Mercoledì 6 Febbraio 2019, 06:35 - Ultimo aggiornamento: 06-02-2019 10:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-02-08 20:36:30
La verità viene sempre a galla.

QUICKMAP