Sospeso dal lavoro e processato per spaccio: finisce l'incubo, assolta guardia penitenziaria

di Nicola Sorrentino

  • 5
SCAFATI. Finisce un incubo per una guardia penitenziara di Scafati, Domenico Puolo, sospeso e processato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Secondo le accuse della procura di Livorno, il 35enne - insieme ad un collega - avrebbe gestito una rete di spaccio nel carcere di Porto Azzurro, comune sulla costa dell'Isola d'Elba. Puolo aveva evitato il carcere, come invece chiese la procura all'epoca, ma fu sospeso dal servizio su decisione del gip. Nel processo, Domenico Puolo è stato difeso dall'avvocato Gennaro De Gennaro, del foro di Torre Annunziata. L'inchiesta risale al 2014, partita dopo la morte di due detenuti per overdose, insieme alla scoperta di sostanza stupefacente. L'attività d'indagine si era arricchita delle dichiarazioni spontanee di un detenuto, che parlò di un giro di droga attivo proprio all'interno del carcere, con la complicità di altri detenuti e guardie penitenziarie. Cinque furono le persone coinvolte. Secondo le accuse, i detenuti per arrivare a rifornirsi di droga, escogitavano diversi sistemi: lo stupefacente - hashish e cocaina - veniva nascosto a volte nel cibo o negli indumenti intimi. Nell'informativa redatta dal vice commissario della polizia penitenziaria, spuntarono poi i nomi di due agenti, tra cui lo scafatese, che avrebbero introdotto, secondo le accuse dell'epoca, stupefacente all'interno del carcere dietro compenso di denaro e con la complicità dei familiari dei detenuti. 

Per la procura, Puolo si riforniva di droga dall'Agro nocerino sarnese, attraverso soggetti a loro volta coinvolti in attività delittuose. Il processo aveva visto testimoniare, per il pubblico ministero, la Guardia di Finanza di Livorno, che svolse le indagini, e il comandante della penitenziaria, con le accuse che furono ribadite per l'agente di Scafati. Ma il tribunale ha accolto la tesi del legale di fiducia di Puolo, l'avvocato Gennaro De Gennaro, che ha spiegato che lo stupefacente contestato fosse per uso personale, sottolineando inoltre la carenza di elementi portati a dibattimento per sostenere l'accusa contro i due agenti. I giudici hanno assolto con formula piena entrambi. Lo scafatese potrà - secondo quanto conferma il suo legale - tornare in servizio «dopo la fine di un lungo calvario giudiziario e tre anni di sospensione» 
Sabato 15 Dicembre 2018, 17:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP