Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Spara contro la porta della sua ex:
​ai domiciliari un 25enne a Scafati

Giovedì 18 Agosto 2022 di Daniela Faiella
Spara contro la porta della sua ex: ai domiciliari un 25enne a Scafati

Colpi di pistola contro la porta di un'abitazione in via Passanti. Il mistero è presto chiarito e i carabinieri, in pochi giorni, individuano il responsabile e lo arrestano. I fatti, in realtà, risalgono a qualche tempo fa ma solo la scorsa settimana i militari della tenenza di via Oberdan hanno chiuso il cerchio sulla vicenda, notificando all'autore del folle gesto, un ragazzo di Scafati di circa 25 anni, la misura cautelare emessa dal gip del tribunale di Nocera Inferiore su richiesta del sostituto procuratore Gaetana Amoruso.

L'allarme scatta agli inizi di agosto. Di notte. Qualcuno spara almeno tre colpi di pistola contro la porta di un'abitazione di via Passanti, vicinale Ascanio. Chi è all'interno avverte il rumore degli spari e si precipita all'esterno. Padre, madre e figlia. Persone incensurate, pulite, nessuna macchia nel passato, nessun collegamento con ambienti criminali. Le indagini, affidate ai militari della tenenza locale e coordinate dalla procura di Nocera Inferiore, partono subito. Esclusa la pista dell'avvertimento a scopo ritorsivo, si fa strada quella del dispetto per motivi personali. I carabinieri, agli ordini del tenente Gennaro Vitolo, scavano nella vita della famiglia scafatese senza trascurare alcun aspetto. Fin da subito le attenzioni degli investigatori si concentrano sulla figlia del proprietario di casa, una ragazza appena maggiorenne, la quale racconta ai militari di aver troncato da pochi giorni la relazione con il suo fidanzato, dopo quattro anni d'amore. Una storia importante dalla quale era nata anche una bambina. Poi le prime incomprensioni, i litigi, fino alla rottura.

Il lavoro degli investigatori prosegue partendo proprio dal racconto della ragazza, che viene confermato anche dai genitori. Gli uomini del tenente Vitolo acquisiscono una serie di elementi, identificano il ragazzo e raccolgono gravi indizi di colpevolezza a suo carico, dettagliati nella corposa informativa consegnata all'autorità giudiziaria. Le risultanze del lavoro investigativo vengono condivise in pieno dal gip del tribunale di Nocera Inferiore che qualche giorno fa, su richiesta del sostituto Amoroso, ha emesso un provvedimento cautelare nei confronti del 25enne di Scafati, finito agli arresti domiciliari. Sarebbe stato quest'ultimo, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, ad impugnare una pistola di piccolo calibro e a sparare contro la porta dell'abitazione di via Passanti. Il ragazzo non voleva accettare la fine della sua storia d'amore e sperava di convincere l'ex fidanzata a ritornare insieme, dopo numerosi tentativi andati a vuoto. Sembra, infatti, che la ragazza, solo il giorno prima, gli avesse ribadito che la loro storia era finita.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA