Terrorizzava la ex e i figli minorenni,
condannato lo stalker 40enne

Domenica 1 Dicembre 2019 di Nicola Sorrentino
Seguiva la ex moglie ovunque e la minacciava spesso anche in presenza del figlio piccolo. Si è chiuso in primo grado il processo contro un 40enne di Scafati, condannato per stalking aggravato a 2 anni e 4 mesi di reclusione. I fatti risalgono al 2014 e sarebbero continuati fino al 2018, con il giudice del tribunale di Nocera Inferiore che ha riconosciuto colpevole l’imputato per quanto commesso nei riguardi dell’ex coniuge. Più volte l’uomo usava il telefono per minacciare la donna, per poi appostarsi quotidianamente nei pressi di casa sua, inviandole messaggi dal contenuto sentimentale ma anche offensivi e intimidatori. Ancora, a bordo della sua auto, nascosto nei paraggi di casa, avrebbe più volte suonato il clacson per attirare l’attenzione della vittima. Quelle intimidazioni sarebbero state fatte anche alla presenza dei figli minorenni rimasti terrorizzati dal comportamento dell’uomo. Stessa sorte per la ex, costretta a cambiare e a stravolgere le sue abitudini di vita, temendo per la propria incolumità. L’imputato sarebbe stato capace di attendere anche per molto tempo nei pressi della casa della donna, urlandole di fargli vedere il figlio, la cui custodia gli aveva già creato problemi con la legge.  Ultimo aggiornamento: 10:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA