Telegram e whatsapp: droga,
l'ultima frontiera dello spaccio è online

Domenica 25 Novembre 2018 di Petronilla Carillo
Telegram e whatsapp: droga, l'ultima frontiera dello spaccio è online

Telegram e whatsapp. Viaggia sulla messaggistica istantanea ormai la rete dello spaccio. Soprattutto quello della cocaina. Addio ai vecchi metodi dell'on the road, tutto avviene su piattaforme criptate: accordi su quantità, prezzo e luoghi di appuntamento fissati spesso anche fuori dai confini cittadini. Per il fumo, invece, è ancora possibile trovare un venditore con il vecchio metodo del passaparola, in piazze spesso pubbliche e facilmente accessibili. A Salerno centro, ad esempio, si può acquistare ottimo hascisc o della buona marijuana passeggiando sul lungomare o spingendosi fino alla Concordia. Nel resto della città basta andare nei soliti luoghi di aggregazione, per trovare il pusher che si confonde tra qualche anziano seduto sulla panchina e i gruppi di ragazzini che chiacchierano tra di loro. E sono proprio loro, i minorenni, i migliori clienti di coloro che vendono fumo: hanno una età che varia dai 16 ai 30 anni e per una dose spendono dai 12 ai 15 euro. Prezzi diversi, invece, per la cocaina: 60 euro. Ma anche un'età diversa: dai 20-25 fino ai 50 anni. Molto dipende dalla disponibilità economica.

LA CLIENTELA
Da gennaio ad oggi, secondo i dati forniti dalla polizia di Stato, sono 31 gli acquirenti segnalati all'Ufficio territoriale di Governo. Numeri che, se sommati alle segnalazioni provenienti anche dalle altre forze dell'ordine, lievitano a dismisura. Ma, più che i numeri, sono i nomi che fanno effetto. Soprattutto per quanto riguarda gli assuntori di cocaina: professionisti di grido, persone impegnate in ogni contesto civile e sociale. E non solo. La richiesta di droga, secondo i dati forniti sempre dagli uffici della questura di Salerno, è molto elevata. Basti pensare che ogni giorno, secondo una stima approssimativa, si effettuano decine e decine vendite di dosi, soltanto nel capoluogo. Ma il fenomeno è presente ovunque: non soltanto a Salerno città, ma anche nella provincia. Sono proprio i sequestri a rendere una chiara fotografia della situazione. La sola sezione della Squadra mobile ha effettuato, nel corso degli ultimi undici mesi, ben diciassette operazioni di polizia giudiziaria dirette a smantellare la rete dello spaccio in tutto il territorio provinciale, conclusesi con 75 persone arrestate ed otto denunciate. Quindi sequestrando ben 72 chili di hascisc e cannabinoidi e 14 chili e 500 grammi di cocaina. Irrilevanti, invece, i sequestri di eroina che, a quanto pare, non troverebbe grande mercato nel salernitano. Ma, precisano le forze dell'ordine, questi sono solo i dati noti. C'è poi tutto un mondo di sommerso che va esplorato.

I GESTORI
Tutto porta sempre lì, alla camorra. A quei gruppi criminali che da sempre controllano il territorio, per aree geografiche o per quartieri. Sono però cambiate le modalità di azione, più silenziosi, i diversi gruppi avrebbero trovato una sorta di pax in nome del dio denaro. Vecchie famiglie che ricevono ordini dagli eredi del boss o da direttamente da questi e forniture che verrebbero «pattuite» anche dietro le sbarre del carcere. Non soltanto l'asse vesuviano e napoletano, secondo quanto emerge dalle operazioni messe a segno dalle forze dell'ordine, questi gruppi gestirebbero anche rapporti internazionali. Basti pensare che è appunto dell'altro giorno la condanna di un camionista ad Imperia ritenuto un corriere per conto dei salernitani. L'uomo ha patteggiato la pena a tre annidi reclusione e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici. Veniva dalla Spagna ed era diretto a Salerno: nascondeva dell'hascisc tra un carico di arance il cui destinatario - quello che risultava sui documenti di trasporto - non ne aveva mai fatto richiesta. Via gomma o via mare, dunque, a Salerno arriverebbero enormi quantità di droga che i gruppi camorristici poi affiderebbero la vendita a dei pusher di fiducia, non sempre insospettabili, a volte anche con qualche piccolo precedente penale, pagandoli dai 40 ai 50 euro al giorno a seconda del tipo di sostanza che vendono. In questo modo loro, i capi, avrebbero sempre le mani pulite.

I FINANZIAMENTI
Non più soltanto rapine. I gruppi criminali accumulerebbero i soldi da destinare all'investimento droga - sempre secondo alcune informazioni fornite dalla polizia - attraverso un vasto giro di usura ed estorsione. Ma non solo. Una fetta di introiti arriverebbe anche dalla prostituzione non gestita direttamente dai salernitani, ma come «pizzo» che i protettori devono pagare per appropriarsi di una fetta di territorio.

Ultimo aggiornamento: 15:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA