Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tania fuggita dall'Ucraina con tre figli:
ritrova "famiglia" italiana dopo 26 anni

Sabato 21 Maggio 2022 di Pasquale Sorrentino
Tania fuggita dall'Ucraina con tre figli: ritrova "famiglia" italiana dopo 26 anni

Riabbracciano la "figlia" ucraina dopo 26 anni. Si tratta di una famiglia di Polla che alla fine degli anni Novanta aveva ospitato nel Vallo di Diano Tania, allora adolescente, nell'ambito dell'ospitalità dei bambini ucraini e bielorussi in Italia dopo l'esplosione di Chernobyl. Giuseppe e Teresa nella giornata di ieri hanno ritrovato, Tania che nel frattempo è diventata mamma di tre figli, in Piemonte, a Villafranca.

Tania è arrivata in Italia grazie alla figlia di Giuseppe Castelli, elettricista in pensione ed ex guardalinee di calcio di serie C, Donatella, la quale appena scoppiato il confilitto ha cominciato a cercare, in ogni modo, la sua lontana "sorella". Non si sentivano da anni ma Donatella, che nella vita scopre le frodi postali, è stata caparbia e dopo una serie di indagini è riuscita a trovarla in un paese piccolo e sotto assedio in Ucraina. Grazie all'unico generatore presente in paese Tania è riuscita a caricare il cellulare e dopo una vera e proria odissea è riuscita a fuggire, grazie anche all'associazione Fratello Sole, in Italia.

Mamme senza festa in Ucraina: costrette a lasciare i mariti al fronte e a fuggire lontano con i loro bambini

E' stata accolta a Villafranca da Donatella e dal marito Arsenio, carabinieri anch'egli del Vallo di Diano, e ora è stata raggiunta da Giuseppe e Teresa e dall'altra sorella Carmen. Dopo 26 anni di nuovo si sono stretti in un lungo abbraccio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA