Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, l'appello di Gubitosi
al regista russo Mikhalkov per la pace

Venerdì 8 Aprile 2022
Ucraina, l'appello di Gubitosi al regista russo Mikhalkov per la pace

Il direttore artistico e fondatore del Giffoni Experience Claudio Gubitosi ha scritto a Nikita Mikhalkov, attore, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico russo, ospite in passate edizioni del Festival. Una lettera accorata, un appello per richiamare i valori della pace, della solidarietà, del rispetto tra i popoli alla luce della recente guerra in Ucraina. «Caro Nikita, - si legge nella lunga missiva inviata da Gubitosi - nella voluminosa storia di Giffoni, che tra poco andrà in pubblicazione, ci sono foto splendide delle tue partecipazioni al Festival. Ho rivisto le foto con la tua bellissima figlia e con tua moglie. Eri felicissimo. La tua è una storica famiglia russa, molto apprezzata e influente. In questo momento, nello sconcerto più totale che il mondo sta vivendo per l'invasione dell'Ucraina da parte del governo russo, siamo costretti ad assistere a scene che non avremmo mai più voluto vedere».

«Hai dichiarato recentemente - aggiunge Gubitosi - che sei in piena sintonia con Vladimir Putin, accusando l'Occidente di essersi coalizzato per distruggere la civiltà russa ed i suoi valori. Inoltre, hai aggiunto che questo è forse l'ultimo tentativo di attaccare il mondo russo, l'etica ortodossa e i valori tradizionali. Non trovo nessun tipo di assonanza con quanto tu dici, perché nessuno ha attaccato la Russia per distruggere la sua civiltà, le sue tradizioni e i suoi valori. Quante immagini ti mancano, quante storie che per un uomo di immensa cultura e di cinema come te sono importanti perché possa esserci una narrazione vera, autentica e non di propaganda».

Video

«Caro fratello Nikita, il tuo peso politico è importante in Russia, non so cosa puoi fare, né ti chiedo come fare, ma, al di là di tutte le rivendicazioni, una cosa è certa: bisogna fermare immediatamente questa guerra e far zittire le armi. Questa escalation non può che portare ad un disastro con altre migliaia e migliaia di morti e ad un'economia che non potrà più definirsi tale. Alla fine, non ci saranno vincitori. Tutti perderanno. Tutti perderemo. La tua storia non solo ti consente - ha proseguito - ma ti obbliga a parlare con Putin, a dirgli che l'unica possibilità che c'è oggi è quella di mettersi concretamente a un tavolo dove, al di là dei danni e dei disastri fino ad oggi visibili, non dovrà esserci né un vinto né un vincitore. Questo, unitamente a tutti gli sforzi diplomatici già messi in campo. Lo so che è difficile ma non voglio usare la parola impossibile. Come sai, la sigla del nostro festival è di un autore russo, Dmitri Shostakovich, il Valzer n.2. e lo sarà per sempre. Ti confermo che per l'edizione 2022 abbiamo già invitato dieci giovani russi che si incontreranno con i ragazzi dell'Ucraina e con altri 4500 coetanei che provengono da 40 nazioni. Sei chiamato a questo compito: portare pace. Ti abbraccio, caro fratello, e ti aspetto a Giffoni a luglio». 

Ultimo aggiornamento: 14:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA