Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Velia, parte il progetto Genius Loci:
in scena «Sacre» di Borderline Danza

Lunedì 18 Luglio 2022
Velia, parte il progetto Genius Loci: in scena «Sacre» di Borderline Danza

Inclusione tra antico e contemporaneo e, in quest’ottica, miscelare l’arte coreutica con altri linguaggi per far risuonare gli spazi che la ospitano di un’energia viva, creativa e generativa. Questa l’anima di «Genius Loci», il progetto speciale a cura del «Cdtm» circuito Campano danza patrocinato dal «MiC» che propone un contesto in cui la coralità dell'esperienza artistica non solo emerge e si plasma interpretando il luogo «che abita» ma amplia le opportunità di accesso sia al pubblico che ai giovani artisti.

Martedì 19 alle 20.30 nell’Area Archeologica di Elea Velia, la prima nazionale di «Borderline Danza»: Sacre. Danza, musica, comunità e territorio si incontrano e si abbracciano per evocare il «Genius Loci» di questo luogo storico e suggestivo. La Compagnia rilegge il celebre testo sonoro e coreografico del Rito della primavera, ne consulta l’essenza, conservandone la radicalità primordiale e investiga la traccia trasgressiva che quest’opera continua a trasmettere nella contemporaneità. In un tempo sospeso tra il post-rito e l’inevitabile ciclicità dell’evento, otto elementi si confrontano con le differenze di specie e sperimentano varie dinamiche di aggregazione e risoluzione: il rito si ripete danzando per la sopravvivenza.

«Lavorare sulla partitura di Stravinskij è un’esperienza contemporaneamente sfidante e sfibrante per tutte le parti in causa: tante ore di prova si susseguono tra scritture coreutiche e posizionamenti drammaturgici, smussamenti coreografici e traiettorie narrative, nel desiderio di lasciare il segno, con umiltà ed entusiasmo, con un’opera che, storicamente, ha rappresentato uno dei fiori all’occhiello di moltissime compagnie di rinomata fama», anticipa il direttore della Borderline, nonché ideatore di concept, regia e coreografia Claudio Malangone. Sarà uno spettacolo concerto: la partitura di Stravinskij sarà eseguita dal vivo dai maestri pianisti Simonetta Tancredi e Lucio Grimaldi. Danzano: Luigi Aruta, Adriana Cristiano, Antonio Formisano, Giada Ruoppo, Pietro Autiero, Alessandro Esposito, Alessia Muscariello, R. G. Maite Estibaliz. «Borderline Danza» è una delle compagnie più in vista nel panorama campano. La ricerca coreografica parte dallo studio della mente umana e del suo processo neurobiologico. Le creazioni indagano gli equilibri instabili su cui si basa l’esistenza umana: luce e ombra, movimento e quiete, suono e silenzio, presenza e assenza. L’interessante campo di ricerca rispecchia la formazione del fondatore della Compagnia, Claudio Malangone. Danzatore, coreografo e psichiatra, Malangone fonda Borderline Danza nel 1998.

Ultimo aggiornamento: 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA