Subisce violenze per 15 anni
si libera del marito nel lockdown

Giovedì 24 Settembre 2020 di Viviana De Vita

Ha subito per quindici anni violenze e soprusi. Un matrimonio, trasformatosi in un incubo per una 40enne di Buccino che, finalmente, ha avuto il coraggio di denunciare il marito – padrone che ogni giorno la picchiava davanti al figlio e la sequestrava in casa non permettendole neanche di aprire la finestra. Collocata insieme al bambino in una casa rifugio, attraverso un ordine di protezione emesso dalla prima sezione civile del Tribunale di Salerno, la donna ora sta bene e non vedrà più il suo aguzzino, destinatario della misura del divieto di avvicinamento.

LEGGI ANCHE Tenne segregate madre e sorella per un anno: assolto l'ex dentista

La vicenda, conclusasi il 10 settembre scorso con un decreto della presidente Caterina Costabile (giudici a latere Francesca Sicilia e Valentina Chiosi), è stata sommersa per anni fino allo scorso marzo quando, in pieno lockdown, la vittima, rientrata dall’ospedale dove si era recata per una frattura dopo una caduta, è stata cacciata di casa dal marito. Sola e senza un posto dove andare, si è rifugiata da una conoscente e ha sporto denuncia. La sua storia è stata raccolta dall’avvocato Stefania De Martino, sempre in prima linea nella tutela delle donne vittime di violenza, che ha subito trasmesso il caso in Procura. 

Ultimo aggiornamento: 08:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA