Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Zio e nipote travolti da uno scooter,
bimbo di cinque anni è grave

Martedì 6 Luglio 2021 di Daniela Faiella
Zio e nipote travolti da uno scooter, bimbo di cinque anni è grave

È in prognosi riservata, all’ospedale Santobono di Napoli, il bambino di 5 anni travolto da uno scooter, insieme alla zio, domenica sera, in via Oberdan di Scafati, nei pressi dell’incrocio con via Pietro Melchiade. I carabinieri stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente che ha visto coinvolto anche un secondo scooter, sopraggiunto successivamente nel punto dell’impatto ed il cui conducente è rimasto quasi del tutto illeso. Ci sono ancora molti dubbi da chiarire. Una certezza sembra esserci: il bambino stava attraversando la strada quando lo scooter, modello Honda Sh, gli è piombato addosso, investendo anche lo zio 40enne che sembra si fosse lanciato all’inseguimento del piccolo per metterlo in sicurezza. È da questa ricostruzione dei fatti, confermata anche dai feriti, che è partito il lavoro degli investigatori. In ospedale, con una prognosi riservata, sono finiti anche lo zio del bambino ed il conducente dello scooter. Entrambi sono ricoverati al Martiri del Villa Malta di Sarno. Il primo, G.O. 40 anni, di Scafati, ha riportato fratture multiple al femore, alla tibia e al perone. È stato sottoposto ieri ad un primo intervento chirurgico per una frattura scomposta alla gamba destra. In giornata ne subirà un secondo, al femore. Anche il conducente dello scooter, G.C, classe 95, scafatese anche lui, è tuttora monitorato all’ospedale di Sarno per un brutto trauma toracico. Dopo aver travolto zio e nipote, lo scooter in sella al quale procedeva, proveniente da Pompei e diretto verso piazza Garibaldi, è finito fuori strada, andandosi a schiantare contro la ringhiera posta a protezione del fiume Sarno. Il lavoro degli investigatori, al momento, si basa soprattutto sulle versioni fornite dal giovane centauro e dallo zio del bambino. Il primo avrebbe ammesso di aver investito il 40enne ed il piccolo, riferendo di essersi accorto della loro presenza al centro della carreggiata solo quando ormai era troppo tardi per impedire l’impatto. Zio e nipote, pochi muniti prima dell’incidente, stavano camminando sul marciapiede, in via Oberdan. Si vede anche dai frame archiviati dalle telecamere presenti nella zona. 

Video

Sembra che, improvvisamente, il piccolo di 5 anni si sia staccato dal gruppo per attraversare la strada, sfuggendo al controllo dello zio, che si è lanciato all’inseguimento per riportarlo in salvo. A quel punto sarebbe sopraggiunto lo scooter guidato da G.C. L’impatto è stato inevitabile. Zio e nipote sono stati travolti in pieno, mentre lo scooter è finito fuori strada. Pochi secondi dopo è sopraggiunto un secondo scooter, scivolato sull’asfalto. Alla guida del mezzo, un altro giovane scafatese, 26 anni, rimasto quasi illeso. I soccorsi sono stati tempestivi. Il bambino è stato trasportato, con un’ambulanza, al pronto soccorso di Nocera Inferiore per poi essere trasferito al Santobono di Napoli, in prognosi riservata, per un brutto trauma cranico. 

Ultimo aggiornamento: 10:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA