Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Le teste di gambero? Ecco perché non andrebbero mai succhiate (tra i rischi il cancro)

Venerdì 21 Maggio 2021
Video

L’Agenzia spagnola per la sicurezza alimentare mette in guarda sull’abitudine di succhiare teste di gambero e altri crostacei. Secondo quanto emerso, infatti, proprio la testa contiene dosi di cadmio che potrebbero essere dannose. Questo metallo è presente soprattutto nella carne più scura dei crostacei di cui se ne sconsiglia l’uso anche per sughi e guazzetti. L’assunzione eccessiva di questa sostanza tossica graverebbe, infatti, sull’organismo accumulandosi su fegato e reni. Da qui, i problemi connessi possono riguardare disfunzioni renali ma anche demineralizzazione ossea. E l’esposizione prolungata potrebbe anche aumentare il rischio di cancro essendo il cadmio tra gli agenti cancerogeni di categoria 1. La dose da non superare nell’arco della settimana, per in incorrere in rischi spiacevoli per la salute, è fissata a 2,5 µg / Kg di peso corporeo.


LEGGI ANCHE: -- COME ACQUISTARE UNA PASSATA DI POMODORO "SICURA": È TUTTO SULL'ETICHETTA

© RIPRODUZIONE RISERVATA