AstraZeneca, scoperto il "difetto" del vaccino inglese: casi di coaguli nel sangue in soggetti sani

Giovedì 8 Luglio 2021
AstraZeneca, scoperto il "difetto" del vaccino inglese: casi di coaguli nel sangue in soggetti sani

I ricercatori canadesi sostengono di aver individuato alcuni aminoacidi presi di mira dagli anticorpi chiave nel sangue di alcune persone che hanno ricevuto AstraZeneca. Ebbene, questa particolare reazione, offre nuovi indizi su ciò che causa rari coaguli di sangue associati all'iniezione di questo vaccino. I risultati di un ricerca scientifica sono stati pubblicati online dalla rivista scientifica Nature. Lo studio potrebbe aiutare i medici a testare e trattare rapidamente l'insolita coagulazione. Lo studio canadese ha analizzato campioni di sangue dei soggetti vaccinati con AstraZeneca e si basa su recenti ricerche condotte in Europa sui rari coaguli di sangue legati al farmaco. I funzionari sanitari stanno monitorando i rari effetti collaterali bilanciati con il valore dimostrato dei vaccini nella lotta contro il Covid-19. La coagulazione del sangue, che alcuni scienziati hanno chiamato trombocitopenia trombotica immunitaria indotta da vaccino, o VITT, è stata anche collegata all'iniezione di Covid-19 di Johnson & Johnson, sebbene gli incidenti si siano verificati meno frequentemente rispetto ad AstraZeneca.

Trombosi dopo la prima dose ora nessuno vuole più vaccinarlo

Vaccino, si può prendere il sole dopo aver ricevuto la dose? La risposta dei medici

Le cause

Sebbene rara, la condizione si è dimostrata mortale in più di 170 adulti post-vaccinazione nel Regno Unito, in Europa e negli Stati Uniti. Molti erano giovani adulti che sembravano sani prima della vaccinazione, affermano ricercatori. Le aziende hanno affermato che stanno intraprendendo ulteriori ricerche per comprendere i problemi. Funzionari sanitari e governativi hanno affermato che i benefici di entrambi i vaccini generalmente superano i loro rischi. Mortimer Poncz, capo della divisione di ematologia pediatrica presso il Children's Hospital di Philadelphia, che non è stato coinvolto nello studio, ha affermato che i risultati potrebbero aiutare i medici a identificare rapidamente la VITT e ad avvicinare i ricercatori alla comprensione delle cause. Un altro ricercatore Andreas Greinacher, professore di medicina trasfusionale presso la clinica universitaria tedesca di Greifswald, ha definito i risultati "molto interessanti" come un nuovo indizio sulla coagulazione indotta dal vaccino che potrebbe migliorare il trattamento.

Video

Rare segnalazioni di coaguli di sangue sono emerse per la prima volta all'inizio di marzo tra le persone in Europa che avevano ricevuto il vaccino sviluppato da AstraZeneca e dall'Università di Oxford. Da allora, il Regno Unito, il Canada, l'Australia e i paesi in Europa e nel mondo hanno limitato l'uso del vaccino agli anziani, con alcuni Paesi che rifiutano del tutto l'uso del vaccino. AstraZeneca, con oltre 600 milioni di dosi distribuite a livello globale, rimane un faramco importante, in particolare per i Paesi che non hanno accesso a iniezioni più costose. I ricercatori stanno approfondendo gli studi per capire la rara combinazione di piastrine e coaguli nel sangue e la loro connessione con il vaccino nella speranza di una diagnosi e un trattamento rapidi e, infine, di prevenire la formazione di coaguli. Il VITT si è verificato in 1 o 2 persone ogni 100.000 prime dosi di AstraZeneca nel Regno Unito, con casi più comuni nelle persone sotto i 50 anni. Il numero totale di casi dopo la prima o la seconda dose nel Regno Unito è stato di 395 fino al 23 giugno, su circa 45,2 milioni di dosi somministrate. Delle 395, 70 persone sono morte.

Ultimo aggiornamento: 9 Luglio, 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA