Clima, Pregliasco: «Terra più calda? In arrivo altre pandemie e nuovi virus. Allarme zanzare»

Lunedì 9 Agosto 2021
Clima, Pregliasco: «Terra più calda? In arrivo altre pandemie e nuovi virus. Allarme zanzare»

Il rapporto Onu sul clima evidenzia una serie di criticità che il nostro pianeta affronterà nei prossimi anni. E sul fronte medico c'è poco da stare tranquilli. A lanciare l'allerta è il virologo Fabrizio Pregliasco, docente dell'Università Statale di Milano, commentando il rapporto. «Una Terra sempre più calda sicuramente può incidere su modificazioni della presenza e del tipo di agenti virali e batterici con cui ci ritroveremo a combattere. Qualche altra pandemia c'è da aspettarsela».

Clima, Greta Thunberg: «Il rapporto Onu non è una sorpresa». Johnson: «Abbiamo 10 anni per salvare il pianeta»

 

Pregliasco: il caso febbre del Nilo

Pregliasco prosegue: «Del resto la storia è costellata di queste situazioni». E con la temperatura del pianeta che continuerà a salire, Pregliasco vede «sicuramente scenari in cui possono diffondersi le malattie vettoriali, che inquietano, e che sono quelle che si diffondono attraverso zanzare e altri vettori che sono un tipici delle zone calde. Lo si è già visto - ricorda il medico - con la febbre del Nilo occidentale che ora ci ritroviamo un pò in tutto il Nord Italia». E l'aumento di temperatura del pianeta sicuramente può portare a «condizioni che facilitano la diffusioni degli agenti e dei vettori».

 

Clima, l'Onu: «Aumento livello mari irreversibile. Mai tante emissioni di Co2 in due milioni di anni»

Il tema green pass. «Il Green pass non dà la certezza di non infettarsi, non cambia nulla, l'attenzione deve essere continua e non si deve abbassare la guardia». Lo dice Pregliasco, docente dell'Università Statale di Milano. «L'unico elemento - chiarisce il virologo - è sapere che si è più sereni, ma si deve continuare ad adottare il nuovo galateo» fatto di igiene, distanziamento e «mascherina assolutamente imprescindibile, anche al ristorante, tranne il tempo in cui si mangia».

Meteo, caldo africano con temperature fino a 45°. Roma, violento incendio all'Axa

Johnson: dieci anni per salvare il pianeta. Il governo britannico fa sue le conclusioni del nuovo allarmante rapporto sui cambiamenti climatici del globo pubblicato oggi dall' Onu e sottoscritto dagli scienziati dell'Ipcc. Si tratta di un «avvertimento severo» sul fatto che «le attività umane stanno danneggiando il pianeta a ritmo allarmante», commenta il primo ministro Boris Johnson sollecitando i leader del mondo - in veste di presidente della conferenza internazionale sul clima CoP 26 in programma a Glasgow a novembre, dopo alcun appuntamenti preparatori in Italia - a un piano di riduzione accelerato delle emissioni nocive. Il rapporto odierno è «una lettura che fa riflettere», sottolinea Johnson, e «spero che rappresenti una sveglia al mondo intero ad agire in vista del cruciale vertice nel quale ci incontreremo a Glasgow». «È chiaro che il prossimo decennio sarà decisivo per assicurare un futuro al nostro pianeta», ammonisce ancora il premier Tory, rivendicando al Regno Unito di aver assunto «un ruolo guida» su questo dossier con l'avvio di un processo di «decarbonizzazione condotto a un passo più veloce di qualunque altro Paese del G20». Un allarme analogo era stato già lanciato dal ministro Alok Sharma, designato dallo stesso governo britannico come presidente della CoP 26.

© RIPRODUZIONE RISERVATA