CORONAVIRUS

Covid, l'immunologo Mantovani: «Virus non è sparito, la mutazione 614G lo rende più aggressivo»

Mercoledì 5 Agosto 2020
Covid, l'immunologo Mantovani: «Virus non è sparito, la mutazione 614G lo rende più aggressivo»

«Il virus non solo non è sparito, ma non è nemmeno diventato più gentile: non si è attenuato». Lo ha sottolineato il direttore scientifico di Humanitas Alberto Mantovani, intervenendo ad Agorà Estate su RaiTre. Gli ultimi studi ci dicono che «il virus è stabile, anche se è emersa una mutazione, la 614G, che forse lo rende più aggressivo». C'è anche uno studio fatto in Lombardia, «che non ci dice che ci sono attenuazioni del virus».

LEGGI ANCHE Covid, l'epidemiologo Ciccozzi: «Il virus è mutato, vi spiego come»

Quanto all'app Immuni, scaricata ancora da una minoranza di italiani, «io - ha detto Mantovani mostrando il telefonino - l'ho scaricata. Credo che ognuno di noi debba fare la sua parte». Mentre sul tema della riapertura delle scuole e della contagiosità dei bambini «ci sono ancora molte cose che non sappiamo», ha detto l'immunologo, e «i dati sulla contagiosità dei bambini sono contrastanti. Occorre un atteggiamento prudenziale».

 

Ultimo aggiornamento: 13:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA