Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, i positivi asintomatici curati nei reparti normali per le loro patologie: la svolta in una circolare del ministero

Lunedì 11 Luglio 2022
Covid, i positivi asintomatici curati nei reparti normali per le loro patologie: la svolta in una circolare del ministero

I positivi al Covid asintomatici con altre patologie saranno ricoverati nei reparti ospedalieri normali e non in quelli dedicati al Coronavirus. La novità, riportata dal Gazzettino e confermata anche dall'assessore alla Salute del Lazio Alessio D'Amato, emergerebbe in una circolare del ministero della Salute che di fatto recepirebbe la linea promossa dal presidente del Friuli Venezia Giulia Riccardi. 

Omicron, Costa: «Estate senza restrizioni, situazione sotto controllo»

Il ricovero degli asintomatici

I ricoverati in ospedale che presenteranno solamente un tampone positivo, ma che non manifesteranno chiaramente i sintomi del Covid, potranno quindi essere ospitati nei reparti collegati alla loro patologia: una svolta epocale in questi anni di pandemia. «Il Friuli - spiega Riccardi - sarà pronto a giorni con il nuovo protocollo». 

«Il ministero - ha aggiunto Riccardi al Gazzettino - ha detto sì alla creazione delle “bolle” negli altri reparti». Come funzionerà il metodo? Si partirà dal Pronto soccorso. Un paziente solo positivo ma senza i sintomi del Covid, infatti, verrà mandato nel suo reparto di competenza. Ad esempio in ortopedia per un trauma osseo. Nell’area specifica saranno individuate delle stanze dedicate ai positivi (i primari hanno già portato questo lavoro a termine, bisognerà solo applicarlo), che potranno ospitare uno o due pazienti. 

Ultimo aggiornamento: 12:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA