La Cina testerà migliaia di campioni di sangue di Wuhan per scoprire l'origine del virus

Mercoledì 13 Ottobre 2021
La Cina testerà migliaia di campioni di sangue di Wuhan per scoprire l'origine del virus

La Cina si sta preparando a testare decine di migliaia di campioni di banche del sangue dalla città di Wuhan come parte di un'indagine sulle origini del Covid-19. La mossa arriva tra le crescenti richieste di trasparenza sull'emergere del virus. L'archivio di un massimo di 200.000 campioni, compresi quelli degli ultimi mesi del 2019, è stato individuato nel febbraio di quest'anno dal gruppo di ricercatori dell'Organizzazione mondiale della sanità come una possibile fonte di informazioni chiave che potrebbero aiutare a determinare quando e dove il virus è passato per la prima volta nell'uomo.

Roma, infermiera No vax: «L'iniezione a mio figlio la faccio io». Ma getta la dose di nascosto: sospesa

I campioni

I campioni sono conservati nel Wuhan Blood Center e si pensa che riguardino il 2019, fornendo campioni di tessuto in tempo reale da un'ampia fascia della popolazione nella città cinese dove si pensa che SARS-CoV-2 abbia infettato per la prima volta gli esseri umani. I campioni della banca del sangue sono stati conservati per due anni, hanno affermato funzionari cinesi, nel caso in cui fossero necessari come prova in eventuali azioni legali relative alle donazioni di sangue da cui provengono. Quel periodo di attesa di due anni scadrà presto per i mesi chiave di ottobre e novembre 2019, quando la maggior parte degli esperti pensa che il virus potrebbe aver prima infettato gli esseri umani.

 "Nessuno crederà ai risultati riportati dalla Cina a meno che non ci siano almeno osservatori qualificati", ha affermato Maureen Miller, professore associato di epidemiologia alla Columbia University. Il capo del team cinese che lavora all'indagine dell'OMS, Liang Wannian, ha detto per la prima volta in una conferenza stampa di luglio che la Cina avrebbe testato i campioni, aggiungendo che una volta che gli esperti cinesi "avranno i risultati, li consegneranno sia all'esperto cinese che a quello straniero".

 

Ad ogni modo i campioni, se conservati correttamente, potrebbero contenere segni cruciali dei primi anticorpi prodotti dall'uomo contro la malattia, hanno affermato gli esperti. Liang ha spiegato che "dalla nostra ricerca emerge  "l'8 dicembre non è probabilmente il caso principale. Potrebbero esserci altri casi che si sono verificati. prima". Il dottor William Schaffner, della divisione malattie infettive del Dipartimento di Medicina della Vanderbilt University, ha affermato che i campioni hanno rappresentato un'"affascinante opportunità. Vorresti tornare indietro per scoprire esattamente durante quali mesi questo virus ha iniziato a lasciare impronte digitali nella popolazione umana in Cina". I campioni potrebbero persino indicare chi è stato infettato per primo, dove, età e occupazione, ha aggiunto Miller. "È pratica comune anonimizzare i campioni", ha detto. "Così potresti ridurlo ai dati demografici di base, all'età, al genere del quartiere in cui vivevano. Tutti questi dati saranno disponibili". Schaffner ha suggerito che i campioni potrebbero essere portati a Ginevra, o in un'altra destinazione neutrale, per consentire agli esperti dell'OMS di prendere parte ai test. Ha detto che due possibili problemi con i campioni potrebbero essere "l'integrità dei campioni di sangue - garantire che non siano stati creati di recente", ma anche quanto fossero rappresentativi della popolazione nel suo insieme i donatori di sangue.

Miller ha affermato che molti campioni sarebbero stati molto probabilmente prelevati da individui sani "quindi rappresenteranno casi asintomatici. E come abbiamo appreso nel corso della pandemia, i casi asintomatici alimentano la pandemia". Huang ha affermato che non era chiaro "fino a che punto il mondo esterno si sarebbe fidato dei risultati come credibili o convincenti" e il test ha segnato un'opportunità per la Cina di "dire al mondo che sono seriamente intenzionati a depoliticizzare la questione delle origini".

L'amministrazione Biden ha condotto una revisione di 90 giorni delle informazioni sull'origine del virus, ma un rapporto non classificato ha fatto sì che i funzionari considerassero ancora sia la trasmissione naturale dall'animale all'uomo sia una fuga di laboratorio come teorie plausibili, ma non erano in grado di determinare quale fosse la più probabile . Il presidente Joe Biden, ricevendo una versione riservata del rapporto, ha dichiarato: "Informazioni critiche sulle origini di questa pandemia esistono nella Repubblica popolare cinese, ma fin dall'inizio, i funzionari del governo cinese hanno lavorato per impedire agli investigatori internazionali e ai membri di la comunità globale della sanità pubblica dall'accedervi". La Cina ha insistito sul fatto di essere stata trasparente e utile alla ricerca dell'OMS.

Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre, 10:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA