CORONAVIRUS

Covid, svelato il "motore" della pandemia: dagli asintomatici ai superdiffusori, così avvengono i contagi

Giovedì 22 Ottobre 2020
Covid, ecco il

Il "motore" che muove la pandemia di Covid-19 è fatto di numerosi pezzi e meccanismi: convivenza sotto lo stesso tetto, attività di gruppo, ambienti affollati, ma anche asintomatici sfuggenti, superdiffusori e contesti che amplificano i contagi. Ad analizzarli uno per uno sono gli esperti della Johns Hopkins University di Baltimora, in un articolo pubblicato su Science.

LEGGI ANCHE Covid, Pregliasco: «Sesso a rischio anche tra fidanzati»

 

In casa la maggior parte dei contagi

Passando in rassegna le più recenti evidenze scientifiche, i ricercatori sottolineano come la gran parte dei contagi avvenga in casa: i conviventi hanno un rischio sei volte maggiore di essere infettati rispetto agli altri contatti stretti. I più esposti sono i coniugi dei malati e gli anziani che vivono in famiglia con persone più giovani. Il rischio è alto anche negli ospedali, nelle case di cura, nei dormitori e nelle carceri, dove i contatti sono ripetuti e stretti, in genere tra persone di età più avanzata.

LEGGI ANCHE Covid, l'esperto: «Sarà superata in 14 giorni soglia terapie intensive ipotizzata per un lockdown»

 

Asintomatici, superdiffusori e trasmissione amplificata

A livello di comunità, la trasmissione dell'infezione risente molto dell'azione degli asintomatici, che rispetto ai malati continuano a circolare pur avendo una carica virale paragonabile. La diffusione del virus può diventare superdiffusione in particolari contesti, come nei cori, nei grandi magazzini e negli eventi religiosi, dove le persone hanno più contatti ravvicinati in un breve arco di tempo. Esistono poi dei contesti in cui la trasmissione può essere amplificata se più infezioni avvengono una dopo l'altra in rapida successione, come si è già visto nei mattatoi, nelle chiese e nelle scuole.

L'amplificazione dei contagi, sommata all'azione dei superdiffusori, potrebbe spiegare perché il 10% dei positivi al virus SarsCoV2 è responsabile dell'80% dei contagi. È il cosiddetto fenomeno della "sovradispersione", già osservato in altre malattie come influenza e morbillo, per cui la maggior parte degli infetti non trasmette il virus in maniera importante, per cui bisogna arrivare a un buon numero di casi perché l'epidemia possa esplodere in maniera evidente.

Ultimo aggiornamento: 24 Ottobre, 12:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA