Covid, via libera ai test da parte di medici di base e pediatri: accordo fra Stato e Regioni

Venerdì 30 Ottobre 2020

Covid, via libera ai test effettuati dai medici di base e dai pediatri. La Conferenza Stato-Regioni ha approvato anche l'intesa sul rinnovo degli Accordi Collettivi Nazionali per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale e con i pediatri di libera scelta. L'intesa è finalizzata a rafforzare le attività territoriali di diagnostica di primo livello e di prevenzione della trasmissione di Sars-Cov-2. Lo rende noto il ministero per gli Affari Regionali. Il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, infatti ha presieduto stamane in videoconferenza le sedute straordinarie della Conferenza Unificata e della Conferenza Stato Regioni.

Covid, Arcuri: «Situazione grave, affrontiamo il virus ma servono limitazioni più strette, la scuola non fa crescere i contagi»

Covid, tamponi rapidi, ecco i prezzi: costeranno 18 euro dal medico di base, 12 nelle Asl. Il costo sarà a carico dello Stato

Tar Roma, sì ai test molecolari anche nei laboratori privati

 

«Con la ratifica in sede di Conferenza Stato-Regioni di oggi, ora possiamo dare il via alla fase operativa dell' Accordo per l'esecuzione dei test rapidi di accertamento del Covid da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri»: lo ha dichiarato il Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini.

 

Un passaggio fondamentale, prosegue Bonaccini, «per far partire il rafforzamento e il potenziamento delle attività di prevenzione e controllo del contagio in modo più capillare sul territorio». Il presidente ha assicurato che «stiamo già verificando i quantitativi e le modalità di distribuzione dei test. Infatti in collaborazione con il Ministero della Salute e l'Agenas sono già stati avviati in contemporanea i Tavoli tecnici che si occuperanno della quantificazione dei fabbisogni e della distribuzione dei test antigenici».

 

Un passaggio fondamentale, prosegue Bonaccini, «per far partire il rafforzamento e il potenziamento delle attività di prevenzione e controllo del contagio in modo più capillare sul territorio». Il presidente ha assicurato che «stiamo già verificando i quantitativi e le modalità di distribuzione dei test. Infatti in collaborazione con il Ministero della Salute e l'Agenas sono già stati avviati in contemporanea i Tavoli tecnici che si occuperanno della quantificazione dei fabbisogni e della distribuzione dei test antigenici».

Ultimo aggiornamento: 18:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA