Pezzo di matita nei polmoni: bimbo di 8 anni trasportato d'urgenza in ospedale a Milano

Il piccolo è stato sottoposto a un delicato intervento in endoscopia per rimuovere la matita

Milano, bimbo di 8 anni salvato: aveva un pezzo di matita nei polmoni
Milano, bimbo di 8 anni salvato: aveva un pezzo di matita nei polmoni
Mercoledì 28 Febbraio 2024, 14:50
2 Minuti di Lettura

Andrea, 8 anni, è stato salvato dai medici del Policlinico di Milano. Il bambino si è reso autore di una brutta avventura, visto che aveva inalato un pezzo di matita che gli aveva completamente ostruito il bronco destro dei polmoni. Per questo motivo è stato necessario portarlo in ospedale.

Coach rimprovera calciatore di 9 anni, il padre gli dà una testata e gli rompe il naso

La vicenda

Il bambino aveva registrato nel corso delle settimane, forte tosse che ha iniziato poi ad aggravarsi, tanto da aver bisogno dell'ossigeno per poter respirare. I genitori hanno deciso di portarlo in ospedale e i medici del Policlinico di Milano hanno dovuto ricoverarlo prima in pediatria e poi in terapia intensiva pediatrica per poter scoprire le diagnosi. Il piccolo è stato quindi sottoposto a un delicato intervento in endoscopia per rimuovere la matita.

L'intervento

L'intervento è stato fatto da tre équipe: la Chirurgia Toracica guidata da Mario Nosotti, la Chirurgia Pediatrica guidata da Ernesto Leva e la Terapia Intensiva Pediatrica. Andrea, con accanto i genitori visto che la terapia pediatrica è aperta, ha passato il periodo del trattamento postoperatorio di supporto ventilatorio non invasivo e del programma fisioterapico mirato.

Gli episodi

Non è la prima volta che accade una cosa simile, al Policlinico si contano una dozzina di episodi simili all'anno con bambini, soprattutto di pochi anni o pochi mesi, che ingeriscono o inalano monetine, pezzi di giocattoli, a volte pezzi di cibo non masticati o ancora calamite, tappi di penne o batterie. Secondo Giovanna Chidini, responsabile della Terapia Intensiva pediatrica del Policlinico di Milano, i corpi estranei che vengono inalati rappresentano la causa maggiore per mortalità e morbilità pediatrica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA