Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, 5, Zangrillo: «Sintomi e tampone negativo? Paranoia eccessiva». Burioni: «Non irridete chi porta mascherine all'aperto»

I virologi tornano a parlare della situazione Covid

Lunedì 18 Luglio 2022
Omicron, 5, Zangrillo: «Sintomi e tampone negativo? Paranoia eccessiva». Burioni: «Non irridete chi porta mascherine all'aperto»

Alberto Zangrillo e Roberto Burioni tornano a parlare del virus. «Paranoia ossessiva»,  dice riguardo Covid e tamponi Zangrillo, prorettore dell'università Vita-Salute San Raffaele di Milano e direttore del Dipartimento di anestesia e terapia intensiva dell'Irccs ospedale San Raffaele. Lo specialista posta su Twitter uno screenshot di una notizia online che riassume un tema molto discusso in questi giorni in cui il Paese è alle prese con un'ondata estiva di contagi sostenuta da sottovarianti Omicron altamente trasmissibili, come Omicron 5: «Covid, ho i sintomi ma il tampone è negativo: perché?», questo il titolo.

Quarantena Covid, Ciccozzi: «Va accorciata, adeguata a Omicron 5. Sintomi via dopo 4-5 giorni»

Centaurus, la variante «più contagiosa» di Omicron. Vaccini aggiornati «potrebbero non essere efficaci»

Zangrillo non ha dubbi nella risposta, bollando il dibattito con due parole: «Paranoia ossessiva». Interpellato dall'Adnkronos Salute, chiarisce ulteriormente il senso del messaggio: «Bisogna piantarla di parlare di Covid - conclude - e ripristinare al più presto le regole del buon senso».

 

Nei giorni scorsi l'esperto era intervenuto sempre via Twitter anche sul nodo dei positivi asintomatici: «Accade che lavativi seriali, positivi al test Covid-19, non lavorino per settimane, sebbene asintomatici. Così si distrugge il Paese», aveva scritto sollevando una riflessione sulla problematica degli isolamenti.

Burioni, sempre su Twitter, scrive: «Oggi portare la mascherina all'aperto è un eccesso di protezione. Però non irridete chi la porta. Potrebbe essere un trapiantato, un immunodepresso, un malato di tumore che sta sottoponendosi a chemioterapia, una persona fragile. Costoro fanno bene a proteggersi il più possibile».

Ultimo aggiornamento: 19 Luglio, 18:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA