CORONAVIRUS

Omicron, i dati dell'Oms: +20% di casi nel mondo in 7 giorni, ma l'incidenza frena. Stabili i morti

I positivi nella settimana dal 10 al 16 gennaio sono 18 milioni

Mercoledì 19 Gennaio 2022
Omicron, i dati Oms: +20% di casi nel mondo, ma l'incidenza frena. Stabili i morti

L'incidenza frena, il numero di morti è stabile ma i casi aumentano del 20% nel mondo: è il ritratto dell'emergenza Covid nel mondo realizzato dall'Oms in un report che racconta l'ondata Omicron su tutto il pianeta. I nuovi casi di coronavirus nella settimana dal 10 al 16 gennaio sono 18 milioni, il 20% in più rispetto al periodo 3-9 gennaio. I nuovi decessi segnalati sono oltre 45mila, dato stabile. Nel bollettino settimanale dell'Organizzazione mondiale della sanità sull'andamento della pandemia, al 16 gennaio le diagnosi di Covid confermate nel pianeta superano i 323 milioni, con oltre 5,5 milioni di morti.

Omicron, l'Oms e i dati dalla Gran Bretagna: «La fine della pandemia non è molto lontana». Poi la retromarcia: «Rischio nuove varianti»

«Nonostante un rallentamento dell'aumento dell'incidenza dei casi a livello globale - si legge nel report - tutte le 6 regioni Oms hanno registrato una crescita dell'incidenza settimanale, ad eccezione della regione Africana che ha registrato un calo del 27%. Il Sudest asiatico ha riportato l'incremento maggiore di nuove diagnosi negli ultimi 7 giorni esaminati (+145%), seguito dalle regioni Mediterraneo (+68%), Pacifico occidentale (+38%), Americhe (+17%) e dalla regione Europea (+10%). I nuovi decessi settimanali sono aumentati nelle regioni Sudest asiatico (+12%) e Americhe (+7%), mentre le altre regioni hanno registrato numeri simili rispetto ai 7 giorni precedenti.

 

Italia con record di casi in 7 giorni

L'Italia resta fra i 5 Paesi del mondo che hanno registrato il maggior numero di nuovi casi di Covid-19 in 7 giorni: oltre 1,2 milioni, in aumento del 25% rispetto alla settimana precedente, contro un +20% segnalato a livello globale. Nel periodo compreso fra il 10 e il 16 gennaio, il dato record è quello degli Stati Uniti: 4.688.466 nuovi casi, numero simile al periodo 3-9 gennaio.

Seguono Francia (2.012.943, +26%), India (1.594.160, +150%), Italia (1.268.153, +25%) e Regno Unito, che segna però un calo del 33% a 813.326 nuove diagnosi. Rispetto allo scorso rapporto, tuttavia, la crescita italiana sembra rallentare. Una settimana fa, infatti, l' Oms collocava la Penisola sempre al quarto posto per nuovi casi riportati (1,01 milioni), ma con un incremento del 57%.

 

Ultimo aggiornamento: 14:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA