Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron 5, nuovo boom di contagi: se aumentano i ricoveri mascherine al chiuso. Potrebbero tornare le restrizioni

Lunedì il tavolo al ministero del lavoro per mantenere l’uso delle Ffp2 in ufficio

Sabato 25 Giugno 2022 di Mauro Evangelisti
Omicron 5, nuovo boom di contagi: se aumentano i ricoveri mascherine al chiuso. Potrebbero tornare le restrizioni

Senza mascherine e con una sotto variante, la Omicron 5 super contagiosa, i nuovi casi positivi in due settimane sono più che raddoppiati. L'incidenza - numero di infezioni ogni centomila abitanti - è passata da 222 a 504 ed è un dato sensibilmente sottostimato perché si eseguono meno test di un tempo. Non solo: molti ricorrono al tampone fai-da-te, per evitare intoppi burocratici non segnalano la positività anche se magari si chiudono in casa per una quarantena autogestita. Il dato sul tasso di positività di ieri è altissimo, quasi un test su quattro ha sentenziato che il soggetto era infetto dal Covid. Va anche detto che altre nazioni europee come il Portogallo, che per prime hanno visto correre la Omicron 5, hanno avuto una decisa impennata di casi a cui però è seguita una rapidissima discesa. Vari esperti fissano tra metà e fine luglio il picco dei contagi in Italia.

Omicron 5, Ricciardi: «L’ondata era prevedibile: per soluzioni impopolari bisogna avere il coraggio»


SCELTE
Alla luce di questo scenario, che vede un incremento dei ricoveri comunque non drammatico, si va verso una proroga dell'uso della mascherina sui posti di lavoro dove non sia possibile mantenere le distanze. Lunedì tornerà a riunirsi il Tavolo per l'aggiornamento del protocollo anti Covid, al Ministero del Lavoro, che vede il coinvolgimento anche della Salute, delle parti sociali e dell'Inail. Non c'è ancora nulla di definito, ma l'orientamento è il mantenimento delle mascherine Ffp2. Bene, ma l'impennata dei contagi causerà anche il ritorno dell'obbligo di mascherina nei luoghi chiusi come i centri commerciali e i negozi (ad oggi vale solo nei mezzi di trasporto pubblico, esclusi gli aerei)? Dipenderà dalla diffusione e dalla distribuzione dei contagi. Ogni settimana c'è il monitoraggio dell'andamento dell'epidemia (e l'Rt ieri è tornato sopra la soglia critica di 1). Se una determinata Regione andrà in forte crisi, anche per un aumento evidente dei ricoveri, non ci saranno chiusure (il sistema dei colori non è più in vigore) ma il governatore potrà ripristinare l'obbligo delle mascherine al chiuso e nei luoghi affollati. D'altra parte ieri il direttore prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, nell'analisi settimanale sulla pandemia, l'ha detto chiaramente: in questa fase di incremento dei contagi è utile indossare le mascherine.

Omicron 5, con le reinfezioni aumenta il «rischio morte, ricovero e Long Covid». Lo studio

«Data l'elevata velocità di circolazione virale - sostiene Rezza -, è bene ricordare che si può ridurre il rischio di trasmissione del virus utilizzando le mascherine, soprattutto in presenza di grandi aggregazioni di persone. Allo stesso tempo si possono proteggere le persone più fragili e più anziane con una ulteriore dose di vaccino booster». In sintesi: si va verso un protocollo che prevede Ffp2 nei posti di lavoro in cui non sia possibile mantenere le distanze; resta l'obbligo di mascherina sui mezzi di trasporto pubblico e le singole regioni interverranno ripristinandolo in tutti i luoghi chiusi o affollati se i ricoveri dovessero aumentare in modo sensibile (non è il caso attuale). Esclusa, invece, l'eliminazione della quarantena per i positivi su cui si è aperto un dibattito in questi giorni (alcuni Paesi hanno già fatto questa scelta).

Mascherine, ipotesi proroga sul lavoro: «Ffp2 obbligatorie sotto i 2 metri di distanza»

E in autunno cosa succederà? Tutti gli scenari, anche alla luce delle esperienze degli anni passati, danno per probabile una ripresa dei contagi. Visto che lo strumento delle chiusure ormai appare inapplicabile, sono due le misure su cui si lavorerà. La prima è il ritorno di un obbligo diffuso dell'uso delle mascherine, soprattutto al chiuso. La seconda è una nuova campagna vaccinale che utilizzi non gli attuali vaccini, ma quelli di Pfizer e Moderna in arrivo adattati alle varianti in circolazione. E se oggi la quarta dose viene riservata solo agli over 80 (o ai fragili), in autunno si abbasserà l'asticella agli over 50. Il modello di riferimento è quello delle campagna vaccinale contro l'influenza (per la quale, tra l'altro, in autunno è attesa è una impennata).

Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 10:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA