Osteosarcoma, cos'è e quali sono i sintomi del tumore che ha ucciso la figlia di Luis Enrique

Sabato 31 Agosto 2019
Osteosarcoma, cos'è e quali sono i sintomi del il tumore che ha ucciso la figlia di Luis Enrique

L'osteosarcoma, che ha ucciso la figlia di Louis Enrique,  è il tumore più comune fra quelli primitivi delle ossa. A spiegarlo sono gli esperti dell'Airc, l'associazione italiana per la ricerca sul cancro, suo sito www.airc.it. Ha origine da precursori degli osteoblasti - spiegano gli esperti -, alcune delle cellule di cui è composto un osso, bloccati nel processo di differenziamento verso la cellula matura in una forma immatura e cancerosa.

LEGGI ANCHE Luis Enrique, morta la figlia di 9 anni. Il dolore di Leo Messi: «Mister, tutta la forza del mondo»
LEGGI ANCHE Luis Enrique, morta di tumore la figlia Xana: aveva 9 anni

A uno sguardo superficiale le ossa possono sembrare tessuti "morti" per via della loro durezza e del fatto che non cambiano forma una volta raggiunta l'età adulta. Le ossa sono in realtà costituite da cellule vive e attive che contribuiscono a mantenerne forma e forza. Tra le cellule presenti nelle ossa vi sono gli osteoblasti che fabbricano la matrice ossea indispensabile alla resistenza e gli osteoclasti che aiutano l'osso a mantenere la propria forma depositando o rimuovendo minerali.
 

LE CAUSE
Le cause che portano allo sviluppo dell’osteosarcoma sono ancora in gran parte sconosciute, ma le caratteristiche della malattia hanno permesso di individuare alcuni fattori di rischio e di formulare ipotesi sulle cause molecolari.

L'osteosarcoma si manifesta soprattutto in bambini e adolescenti, cioè nel periodo di massima crescita dell'osso, e gli adolescenti colpiti da osteosarcoma sono in genere piuttosto alti per la loro età: queste osservazioni fanno pensare che proprio la crescita rapida dell'osso sia un fattore di rischio.

Tra i fattori di rischio certi per l'osteosarcoma vi è anche l'esposizione a radiazioniche in genere si verifica a causa di trattamenti di radioterapia a cui ci si sottopone per curare altri tipi di tumore. Sono stati inoltre identificati fattori di rischio genetici come, per esempio, mutazioni nei geni.

I SINTOMI
Il sintomo più comune  - spiega l'Airc - dell'osteosarcoma è il dolore all'osso colpito dal tumore, insieme a gonfiore o tumefazioni. Il grado di dolore varia a seconda della dimensione e dello stadio della malattia: inizialmente può essere debole e intermittente, ma con il tempo in genere la situazione peggiora. In alcuni casi il tumore indebolisce l'osso al punto da provocare fratture che vengono definite patologiche, per distinguerle da quelle traumatiche di un osso sano.

PREVENZIONE
Attualmente non esiste alcun tipo di prevenzione efficace per ridurre il rischio di sviluppare questo tipo di cancro poiché le cause dell’osteosarcoma sono ancora in gran parte sconosciute.

DIAGNOSI
I sintomi tipici dell’osteosarcoma, dolore localizzato alle ossa o gonfiore, possono essere facilmente presenti negli adolescenti per cause che non hanno niente a che vedere con il cancro, ma che sono, per esempio, legate a una caduta. Se il dolore e l'infiammazione non passano in un tempo ragionevole, è opportuno rivolgersi al medico che, dopo una visita attenta e una serie di domande mirate per conoscere meglio il quadro di salute generale, deciderà se è il caso di prescrivere ulteriori esami di approfondimento. 

Ultimo aggiornamento: 17:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA