Scuole chiuse, la psichiatra Lucattini: «Il pericolo maggiore è l'instabilità emotiva non la perdita di nozioni»

Lunedì 11 Gennaio 2021
Riapertura scuole, la psichiatra Lucattini: «Il pericolo maggiore è l'instabilità emotiva non la perdita di nozioni»

«L'incostanza, modificare continuamente la situazione crea uno stato di confusione e spossatezza, fino a minare la salute psicologica». Così Adelia Lucattini, psichiatra e psicoanalista della Società psicoanalitica italiana (Spi) e della International psychoanalytical association (Ipa) si schiera contro il ritorno frazionato alle lezioni in presenza, per le scuola secondaria di primo e secondo grado.

«Il pericolo maggiore è l'instabilità emotiva non la perdita relativa di nozioni, perché queste ultime si possono recuperare, mentre se nei ragazzi si mina la sicurezza e la stabilità, si danneggia la struttura per pensare» spiega Lucattini.

«La prima conseguenza possono essere i problemi di attenzione e concentrazione con una minore capacità di apprendimento e quindi un rendimento scolastico più basso; la seconda sono l'instabilità dell’umore e i comportamenti trasgressivi o 'di ritiro' ed evitamento, come per esempio organizzare feste con troppe persone o non uscire affatto di casa in attesa che finisca l'emergenza». 

 

Un altro fatto importante è «la costanza dell'oggetto» sottolinea l'esperta. «La costanza delle cose è un elemento fondamentale per la salute mentale: è la sicurezza che la mamma dà al bambino attraverso la sua presenza stabile fin dai primi anni di vita, che anche da adulto gli dà un senso di protezione dall’interno e lo induce a ricercare la regolarità e il sano ripetersi delle cose buone che permettono di sentirsi sicuri, reattivi rispetto alle difficoltà, pronti e solidi». 

Risse tra adolescenti, i sociologi: «L'isolamento è una miccia, ma le famiglie possono rimediare»

«Cambiare continuamente le carte in tavola senza una prospettiva temporale precisa porta invece ad avere una sensazione di pericolo, moltiplica l’incertezza e la paura – precisa Lucattini - quindi sarebbe meglio mantenere un'unica realtà una volta che sia mutata ossia scegliere possibilmente una situazione che rimanga la stessa per tutta la durata dell’emergenza». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA