Tumore al cervello, efficace mix di farmaci immunoterapici: lo studio dell'Università di Siena

Venerdì 17 Settembre 2021
Tumore al cervelo, efficace un mix di farmaci immunoterapici: i risultati di uno studio di ricerca di Siena

Arrivano da Siena i risultati del primo studio al mondo di fase III che dimostra l'efficacia della strategia di combinazione di due farmaci immunoterapici sulle metastasi cerebrali da melanoma. Secondo lo studio, coordinato dalla professoressa Anna Maria Di Giacomo del Centro di Immuno-Oncologia (Cio), direttrice del Dipartimento oncologico dell'Azienda ospedaliero-universitaria Senese, e supportato dalla fondazione Nibit, la combinazione di ipilimumab più nivolumab è in grado di migliorare significativamente la sopravvivenza a lungo termine rispetto agli standard di terapia attuali.

I dettagli dello studio

I risultati dello studio si potrebbero applicare sulle metastasi cerebrali silenti. «L'immunoterapia ha rivoluzionato il trattamento del melanoma metastatico - spiega il professor Michele Maio, direttore del Cio -. Non tutti però riescono a beneficiare di tale approccio: in quei pazienti che sviluppano metastasi cerebrali silenti non esiste ancora una terapia in grado di fare la differenza. Una situazione che presto potrebbe cambiare grazie ai risultati di questo studio».

Youtuber 14enne muore di tumore al cervello. La "Piccola guerriera" ha passato i suoi ultimi mesi ad aiutare altri pazienti

La dottoressa Di Giacomo spiega, inoltre, che «l'obiettivo del trial era quello di comparare tre differenti strategie: quella standard, attraverso la somministrazione del farmaco chemioterapico fotemustina, la combinazione di fotemustina e ipilimumab e la combinazione di ipilimumab e nivolumab». «Dalle analisi - prosegue Di Giacomo - la combinazione ipilimumab e nivolumab è stata in grado di migliorare significativamente diversi parametri tra cui anche la sopravvivenza a lungo termine, rispetto alle altre due strategie di cura testate».

Tumore al rene, combinazione di immunoterapia migliora la sopravvivenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA