Covid, Oms: «Vaccini? Europa troppo lenta, aumento nuovi casi mai visto prima»

Giovedì 1 Aprile 2021
Covid, Oms: «Vaccini? La lentezza dell'Europa è inaccettabile»

L'annuncio roboante dell'arrivo in Italia di 500mila dosi di vaccino Moderna. Ma sono sempre troppo poche, ancora. E negli altri paesi europei il ritmo di approvvigionamento dei vaccini anti Covid non è più veloce. Per questo, l'Organizzazione mondiale della Sanità ha stigmatizzato la lentezza della campagna vaccinale in Europa

Vaccini, a Roma e nel Lazio in farmacia dal 20 aprile: si parte con chi ha dai 55 ai 60 anni (con Johnson&Johnson). La guida

l ritmo delle vaccinazioni anti Covid in Europa è di una lentezza «inaccettabile», ha reso noto l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms). Non solo. L'OMS ha rilevato che l'attuale impennata dei casi di coronavirus in Europa è «la più preoccupante» da diversi mesi. 

«Solo 5 settimane fa, il numero settimanale di nuovi casi in Europa era sceso a meno di 1 milione, ma ora la situazione della Regione è più preoccupante di quanto non si sia visto in ultimi mesi. Ci sono rischi associati all'aumento della mobilità legati agli incontri delle festività religiose». Lo sottolinea Dorit Nitzan, direttrice delle emergenze per l'Ufficio regionale per l'Europa dell'Organizzazione mondiale della sanità ( Oms), in una nota. La scorsa settimana si sono registrati 1,6 milioni di nuovi casi e 24mila decessi.

Vaccino Johnson & Johnson, dalla muffa alle fiale incrinate: il nodo del controllo qualità

L' Oms Europa segnala che «in tutta la Regioni sono 50 i Paesi che hanno segnalato la variante inglese che ora è diventata predominate». I nuovi casi sono in aumento «in ogni fascia d'età - evidenzia l' Oms Europa - tranne che in quella sopra gli 80 anni. Una fascia in cui si vede l'impatto delle vaccinazioni con un costante calo dei casi e una percentuale decrescente di morti per Covid-19 dall'inizio del 2021». A preoccupare gli esperti sono le varianti del coronavirus.

Vaccino, casi in calo per operatori sanitari e anziani: i dati Iss sulla campagna di somministrazione

«È fondamentale limitare la trasmissione attraverso azioni di controllo della malattia - precisa Nitzan - E oggi, rispetto a un anno fa, abbiamo test e e sistemi di tracciamento migliori, una condivisione delle informazioni più rapida e sappiamo molto di più su come prendersi cura dei malati gravi».

Perché l'Europa è lenta? «Ad oggi solo il 10% della popolazione della Regione ha ricevuto 1 dose di vaccino e il 4% ha completato l'immunizzazione». Lo sottolinea sempre l'Oms. «C'è un rischio considerevole che le vaccinazioni in corso forniscano un falso senso di sicurezza alle autorità e alle persone e questo comporta un pericolo». Lo ha spiegato Hans Kluge, direttore regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per l'Europa, in una nota. Kluge invita i Paesi «a condividere le dosi di vaccini in eccesso con chi ne ha bisogno».

 

Ultimo aggiornamento: 18:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA