Vaccino Covid, domande e risposte. Categorie, età, prenotazioni: quando arriva il mio turno?

Domenica 21 Marzo 2021 di Diodato Pirone
Vaccino Covid, domande e risposte. Categorie, età, prenotazioni: quando arriva il mio turno?

Quali categorie vengono vaccinate oggi?
Per orientarsi nella tempistica delle vaccinazioni occorre piantare alcuni paletti. Secondo l’attuale piano delle vaccinazioni occorre completare le somministrazioni per le categorie più esposte: sanitari; anziani oltre gli 80 anni e residenti nelle Rsa; docenti; fragili (invalidi, etc.), appartenenti alle forze dell’ordine e alla forze armate. Contemporaneamente un po’ ovunque stanno partendo le vaccinazioni per “tutti” gran parte delle quali saranno effettuate dai medici di base che - in alcune Regioni, come ad esempio il Lazio - hanno iniziato dai 65enni ma poi ora potranno coinvolgere anche i pazienti dai 79 anni in giù. Partite anche le prenotazioni per badanti e aiutanti (caregiver).

Vaccino, il commissario Ue Breton: «Non avremo bisogno di Sputnik, immunità a giugno»


Quanti over80 saranno protetti ad aprile?
A ieri (alle 14.30) risultavano aver ricevuto almeno la prima dose di vaccino 2.221.000 nonni, ovvero cittadini con oltre 80 anni, sui 4,4 milioni totali. Negli ultimi giorni a questa categoria (per la quale sono riservati i vaccini Moderna e Pfizer) sono riservati circa 50.000 fiale al giorno. Dunque alla fine di marzo saranno almeno 2,7 milioni i nonni protetti e tutto lascia credere che fra la fine di aprile e la metà di maggio questa categoria (grosso modo 1,5 milioni di persone) completerà anche la seconda dose. Va ricordato che anche per gli anziani vale la regola che sta caratterizzando questa campagna di vaccinazione: alcune Regioni si sono dimostrate molto attente, come il Lazio e la Campania che hanno vaccinato rispettivamente 279.000 su 470.000 e 180.000 su 320.000dei propri nonni, mentre altre sono lentissime come la Sardegna (36.000 su 112.000) o il Molise (4.300 su 26.000). Anche la Lombardia ha vaccinato solo il 45% dei suoi cittadini over-80.

Attesa finita per chi ha 70-79 anni?
Fra il 10 e il 15 marzo molte Regioni hanno cominciato a raccogliere le prenotazioni per chi ha un’età compresa fra i 70 e i 79 anni (nati fra il 1941 e il 1950). Si tratta di 5.5 milioni di persone che saranno chiamate alla vaccinazione nei grandi centri vaccinali sparsi per tutta l’Italia oppure dai medici di famiglia nelle Regioni che hanno aperto questo canale. Il grosso degli appartenenti a questa fascia d’età si potrà vaccinare fra aprile e maggio ma è bene prenotarsi per tempo verificando le modalità sui siti internet delle varie Regioni.

Davvero maggio sarà il mese dei sessantenni?
Secondo il recente piano di vaccinazioni presentato dal generale Francesco Figliuolo a partire dall’ultima settimana di aprile - cioè fra un mese - le vaccinazioni dovrebbero arrivare a quota 500.000 al giorno, sul modello inglese. Per vaccinare l’80% degli italiani entro settembre sarà essenziale la disponibilità del quarto vaccino, lo Janssen dell’americana Johnson&Johnson che dovrebbe essere infialato in una fabbrica del distretto farmaceutico laziale. L’Italia ne ha prenotato 22 milioni di dosi fra aprile e settembre e poiché il vaccino è monodose (cioè basta una solo iniezione per essere protetti) lo Janssen è destinato a svolgere un ruolo strategico. Lo Janssen dovrebbe essere massicciamente disponibile da fine aprile-inizio maggio e quindi questo sarà il mese per la vaccinazione di massa di chi ha 60 anni o giù di li. Vaccinazione che sarà possibile ricevere anche presso le 19.000 farmacie italiane.

Da giugno iniezioni sui posti di lavoro?
Entro giugno l’Italia dovrebbe ricevere oltre 60 milioni di dosi vaccinali alle quali si aggiungeranno oltre 80 milioni di fiale fra luglio e settembre. In questa fase si faranno molte vaccinazioni direttamente sui posti di lavoro a partire dalle fabbriche più grandi. Da giugno in poi, dunque, dovrebbero vaccinarsi la gran parte delle persone che lavorano ma anche gli studenti delle Università. Insomma, quando ci saranno i vaccini in gran quantità non ci sarà che l’imbarazzo della scelta. Ma sarà difficile avviare vaccinazioni di massa prima di maggio.
 

Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 12:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA