Johnson & Johnson valuta il richiamo con una seconda dose di vaccino: «Aumento anticorpi 9 volte superiore alla monodose»

Mercoledì 25 Agosto 2021
Vaccino, Johnson & Johnson valuta il richiamo con una seconda dose: «Aumento anticorpi 9 volte superiore alla monodose»

Anche il vaccino Johnson & Johnson va verso la somministrazione di una seconda dose. Secondo quanto sottolinea la casa farmaceutica una dose di richiamo del vaccino J&J «ha generato un aumento degli anticorpi di 9 volte rispetto ai 28 giorni dopo la prima dose». I dati provengono da due studi di fase 2 condotti negli Stati Uniti e in Europa su 2000 partecipanti in previsione della potenziale necessità di un richiamo. I dati sono stati presentati in pre-pubblicazione su 'medRxiv'.

 

Green Pass, validità verso proroga da 9 a 12 mesi anche per i guariti dal Covid. Aspettando la terza dose di vaccino

 

Johnson & Johnson verso seconda dose

A luglio l'azienda aveva rilasciato i dati provvisori, pubblicati su 'New England Journal of Medicinè, che dimostravano una risposta immunitaria stabile per otto mesi dopo l'immunizzazione. «Sappiamo che una singola dose del nostro vaccino genera risposte immunitarie forti e robuste che sono durevoli e persistenti per otto mesi - ha sottolineato Mathai Mammen, capo della Ricerca e Sviluppo di Janseen - Con questi nuovi dati stiamo vedendo che una dose di richiamo del vaccino ai partecipanti allo studio, che erano precedentemente immunizzati con il nostro vaccino, aumenta ulteriormente le risposte anticorpali».

 

Vaccino, studio inglese: «Dopo sei mesi la protezione cala: pensiamo alla terza dose»

 

Il confronto con Fda ed Ema

J&J sta dialogando con l'Fda, i Cdc e l'Ema sulla necessità di offrire una dose di richiamo del vaccino Janssen. «Non vediamo l'ora di discutere con i funzionari della sanità pubblica della potenziale strategia per il nostro vaccino monodose, pensando ad un richiamo dopo otto mesi dalla prima dose».

 

 

Ultimo aggiornamento: 19:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA