Il vaccino ha rischi minimi, virus molto più pericoloso: danni a cuore, reni e polmoni. La ricerca

Sabato 28 Agosto 2021 di Francesco Malfetano
Con il vaccino rischi minimi, virus molto più pericoloso: danni a cuore, reni e polmoni

«I benefici superano i rischi» è stata una frase ripetuta spesso dalle autorità sanitarie mondiali in questi mesi. Si tratta infatti della risposta fornita a chi, anche nei periodi più complessi della pandemia, metteva in dubbio la sicurezza dei vaccini. Ora però, a provare la bontà dell'affermazione non vi sono più solo gli studi di fase 3 condotti dalle aziende farmaceutiche per far approvare i loro prodotti a Ema ed Fda ma anche le ricerche relative alla popolazione reale.
Ad esempio sono stati appena pubblicati dal New England Journal of Medicine, i risultati dello studio più ampio realizzato fino ad oggi, con un campione di oltre 1 milione di persone. L'indagine è stata realizzata dal Clalit Research Institute, centro di ricerca israeliano, in collaborazione con gli studiosi dell'Università di Harvard. Prendendo i dati del sistema sanitario di Israele e confrontando non solo gli individui vaccinati con i loro coetanei non vaccinati, ma anche persone che hanno contratto il virus e soggetti che invece non lo hanno fatto.


RISULTATI
È stato così dimostrato, dati alla mano, che il Covid è più pericoloso del vaccino. I soggetti che hanno sviluppato una trombosi venosa dopo il contagio sono stati 43 su 100mila pazienti, dopo il vaccino invece nessuno. Mentre a sviluppare un'embolia polmonare tra gli infetti non vaccinati sono stati 62, tra gli immunizzati nessuno.

Le cure fake dei no vax contro il Covid: boom avvelenamenti da ivermectina negli Stati Uniti. Fda: «Non siete mucche, smettetela»

La Danimarca: «Il virus non è più una minaccia, è sotto controllo». Via tutte le restrizioni dal 10 settembre

E dati simili, con tassi di incidenza addirittura più alti, come mostra il grafico in pagina, riguardano anche aritmie cardiache, danni renali acuti, pericarditi e ictus. D'altro canto lo studio mostra anche come sembrerebbe esserci la correlazione - sospettata anche da Ema - tra il vaccino e l'insorgenza di miocarditi. Precisando però come sia quasi quattro volte più comune tra i positivi (11 casi ogni 100mila persone) rispetto a gli immunizzati (2,7 casi). In altre parole SarsCov2 è più pericoloso dei vaccini per il cuore delle persone.

 


I soli effetti collaterali giudicati più frequenti tra i vaccinati sono linfoadenopatia (un ingrossamento dei linfonodi che va via in pochi giorni che é una reazione comune nei vaccini) e infezioni da herpes zoster (incidenza molto simili tra vaccino e infezione Covid per l'appendicite). Vale a dire due degli eventi avversi indicati anche sul bugiardino del farmaco e considerate tutt'altro che gravi.
 

Ultimo aggiornamento: 29 Agosto, 10:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA