Varianti Covid, ricerca Cnr: «Aumentare la distanza fra persone, un metro non è più sufficiente»

Sabato 20 Febbraio 2021
Varianti Covid, ricerca Cnr: «Aumentare la distanza fra persone, un metro non è più sufficiente»

La nuova distanza di sicurezza per evitare i contagi da varianti Covid dovrà essere di almeno 1,4 metri. Lo sostiene il fisico Corrado Spinella, direttore del Dipartimento di Scienze fisiche e tecnologia della materia del Cnr. «Le varianti del virus Sars-Cov-2 sono caratterizzate da un aumento della distanza di trasmissibilità del 40% - afferma Spinella -. Prima, in media, dovevi essere lontano un metro dal positivo. Ora, se non vuoi essere contagiato, bisogna tenersi distanti 1,4 metri. È aumentata la distanza di trasmissibilità entro cui il virus rischia di infettare la persona sana. Un metro non è più sufficiente».

Variante inglese, allarme super-Covid negli Usa: «Contagi raddoppiati ogni 10 giorni, rischio impennata in primavera»

La nuova distanza consigliata è frutto di una simulazione basata su un algoritmo che Spinella definisce «Scova varianti» di Sars-Cov-2, sviluppato dal suo team del Consiglio nazionale delle ricerche e che aggiorna il sistema di calcolo da loro stessi realizzato per monitorare l'evoluzione della malattia. Parlando delle vaccinazioni, il fisico sottolinea: «In questo momento l'effetto delle vaccinazioni non produce effetti rilevanti sul trend del numero dei casi. Siamo ancora su numeri troppo bassi ma ha un effetto su previsioni di lunga durata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA